blank

Terme Vigliatore – Lite sfocia in sparatoria, arrestato 80enne. La vittima non sarebbe in pericolo di vita

Una lite, l’ennesima, tra vicini di fondi confinanti è sfociata nel grave ferimento con un colpo di Revolver calibro 38 di Lucio Rao, 64enne residente a Terme Vigliatore, funzionario del comune di Barcellona Pozzo di Gotto.

E’ accaduto ieri, intorno alle 17:00 in località Calvano a Rodì Milici. A ferirlo è stato un 80enne, incensurato, che deteneva regolarmente la pistola da cui sarebbe partito il colpo, al culmine di una discussione sulla linea di confine tra i due appezzamenti di terreno.

Il 64enne è stato colpito nella zona al di sotto della clavicola, dove il proiettile si è conficcato senza causare sanguinamento, tanto che Rao sarebbe riuscito a tornare a casa a Terme Vigliatore con la propria auto. Il funzionario comunale era convinto di essere stato, infatti, colpito soltanto di striscio.

Solo più tardi ha chiamato i soccorsi, accusando difficoltà respiratorie, a causa di un versamento di sangue nei polmoni. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e i Carabinieri della locale stazione e della compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto, coordinati dal capitano Lorenzo Galizia. E’ stata la stessa vittima a fornire le indicazioni per identificare l’aggressore, anch’egli residente a Terme Vigliatore, ai militari dell’Arma, che hanno raccolto gli elementi utili alla ricostruzione della vicenda. Non è chiaro se l’80enne avesse o meno autorizzazione a portare con l’arma con se.

L’80enne è stato immediatamente rintracciato, fermato e sottoposto ad interrogatorio, alla presenza del magistrato di turno della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, Veronica De Toni. Avrebbe ammesso le proprie responsabilità e si sarebbe mostrato collaborativo con le autorità.

E’ stato condotto nel carcere Madia di Barcellona Pozzo di Gotto, dove attualmente si trova, in attesa della convalida del fermo. L’accusa per lui è di tentato omicidio.

La vittima, invece, è stata dapprima trasportata all’Ospedale Barone Romeo di Patti e poi, viste le condizioni, è stato trasferito a Messina. Sottoposto alle cure del caso, non sarebbe, al momento, in pericolo di vita.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp