martedì, Dicembre 1, 2020
blank
Operazione Flower, tutti i dettagli

Messina – Arrestato dopo un anno di latitanza il boss Giovanni De Luca

Gli uomini della Squadra Mobile di Messina, guidati da Antonio Sfameni, hanno arrestato ieri il latitante mafioso Giovanni De Luca, ricercato da un anno e condannato per estorsione aggravata. Era nascosto in un’intercapedine ricavata dietro a un frigorifero nell’abitazione di una donna, che adesso è indagata per favoreggiamento e che si è recata in Questura.

La polizia, coordinata dal procuratore di Messina Maurizio de Lucia e dall’aggiunto Vito di Giorgio, ha ricostruito la rete dei favoreggiatori di De Luca ed è arrivata al boss latitante, ritenuto personaggio emergente della “famiglia” mafiosa di Mare Grosso.

I messaggi che il latitante inviava a parenti e complici sono stati intercettati dagli investigatori che, una settimana fa, hanno individuato il covo. Nella serata di ieri è arrivata la conferma che era proprio l’abitazione in cui si nascondeva il ricercato ed è scattato il blitz.

Giovanni De Luca, nipote dello storico boss Nino, a novembre del 2019, era sfuggito alla cattura disposta dalla Dda di Messina nell”ambito dell’inchiesta “Flower” che accertò che i clan avevano monopolizzato i servizi di security nelle discoteche e nei luoghi della movida della città.

Dall’inchiesta, emerse tra l’altro, che la mafia era responsabile di violente aggressioni ai frequentatori di diversi locali e costringeva così i titolari della attività ad assumere e pagare uomini del clan per la vigilanza.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank