Giallo di Caronia: non ci sono tracce di sangue sull’auto di Viviana Parisi. Proseguono le indagini

Viviana Parisi e Gioele Mondello (foto Chi L'ha Visto)
Viviana Parisi e Gioele Mondello (foto Chi L'ha Visto)

Non ci sono tracce di sangue sulla Opel Corsa sulla quale viaggiavano Viviana Parisi e suo figlio Gioele la mattina del 03 agosto scorso, e che, durante un sorpasso, si sarebbe scontrata con un furgoncino di una ditta di manutenzioni nella galleria Pizzo Turda, sulla A/20.

L’esito è arrivato ieri sera. L’accertamento tecnico con il luminol è stato eseguito dai periti nominati dalla Procura di Patti, alla presenza dei consulenti tecnici e degli avvocati di parte. Si tratta di un ulteriore approfondimento, che segue diversi rilievi già effettuati dalla Polizia scientifica. Perderebbe così quota l’ipotesi che il piccolo Gioele possa essere morto durante l’incidente stradale “anche se non si può escludere del tutto che il piccolo nella collisione abbia sbattuto da qualche parte e abbia avuto poi un’emorragia interna morendo dopo nelle campagne di Caronia” ha dichiarato l’avvocato Pietro Venuti, legale della famiglia Mondello.

“Tuttavia se l’incidente fosse stato rilevante il bimbo avrebbe potuto tagliarsi e, quindi, qualche traccia di sangue sarebbe stata ritrovata” aggiunge il legale. Sono fissate per oggi pomeriggio al commissariato di Polizia di Sant’Agata Militello, le verifiche sulla presenza di tracce biologiche su legna e terriccio repertati nel bosco di c.da Sorba il 19 agosto, giorno in cui sono stati ritrovati i resti del piccolo Gioele.

A seguire un nuovo sopralluogo nelle aree a valle dell’autostrada A/20 a Caronia, dove sono stati trovati i corpi di madre e figlio, alla ricerca di ulteriori tracce ematiche con l’uso del luminol. Ieri, invece, al dipartimento di medicina legale del Policlinico di Messina si sono svolti alcuni esami sui frammenti ossei del bambino, mentre oggi, nei laboratori della Polizia scientifica di Palermo saranno eseguiti accertamenti su campionature prelevate il 12 agosto sul traliccio  – a 3mt dal quale lo scorso 8 agosto è stato ritrovato il corpo di Viviana Parisi, sui campioni di presunto materiale biologico repertati il 19 e il 21 agosto in occasione del ritrovamento dei resti del piccolo Gioele e su un ciuffo di peli di colore chiaro repertato lo scorso 24 agosto nel bosco di c.da Sorba. Non è stata, invece, ancora fissata la data per effettuare la perizia tecnica sulla dinamica dell’incidente.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp