Giallo di Caronia, oggi ulteriori esami sui resti del piccolo Gioele

185729823-485fc16b-e93f-4eba-bf31-5ebc7c0778ed

Nuovi accertamenti tecnici non ripetibili saranno disposti nell’ambito delle indagini sul giallo di Caronia. La Procura di Patti, guidata dal Procuratore Capo Angelo Cavallo, tenta di ricostruire quanto avvenuto il 03 agosto scorso, quando Viviana Parisi e suo figlio Gioele Mondello, intorno alle 11, sono rimasti coinvolti in un incidente stradale, con un altro mezzo, sulla A/20 nella galleria Pizzo Turda, sparendo subito dopo il sinistro nei boschi a valle dell’autostrada per poi essere ritrovati morti, in circostanze ancora non chiare, rispettivamente l’8 e il 19 agosto.

Dopo l’autopsia sui resti del bambino, eseguita lo scorso 26 agosto, che ha fornito pochi elementi e gli ulteriori rilievi della Polizia scientifica sui luoghi di ritrovamento dei corpi, è stato fissato per oggi alle 15, nei laboratori dell’università al Papardo di Messina, l’esame di approfondimento sul cranio del piccino, trovato nel bosco di c.da Sorba a 100 mt circa dagli altri resti, aggrediti dalla macrofauna locale. Geologi ed entomologi forensi analizzeranno tracce di terriccio che sarà comparato con quelle prelevate nella zona di ritrovamento, per tentare di risalire al luogo esatto del decesso.

Venerdì 4 settembre, invece, la Procura conferirà formalmente l’incarico agli ingegneri Santi Mangano e Roberto Della Rovere, per eseguire accertamenti tecnici su tempi, cause ed esatta dinamica dell’incidente stradale all’interno della galleria Pizzo Turda. Sempre  venerdì sarà invece formalizzato l’incarico all’ingegnere Antonio Consalvi per estrapolare e copiare i dati contenuti nel telefono cellulare di Viviana Parisi, lasciato a casa il giorno della scomparsa e sul tablet del piccolo Gioele. I legali delle parti, gli avvocati Pietro Venuti e Claudio Mondello per la famiglia Mondello e gli avvocati Nicodemo Gentile e Antonio Cozza per la famiglia Parisi, potranno eventualmente indicare i propri consulenti tecnici di parte.

Sono dunque 9 gli esperti incaricati dalla Procura per approfondire gli aspetti scientifici e medico-legali dell’inchiesta. 6 invece, sono quelli già nominati dalle famiglie Parisi e Mondello.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp