blank

Spadafora scossa dall’omicidio di Pierluigi Mollica. L’uomo era conosciuto nell’ambito sportivo messinese

Ci sarebbero dei dissapori tra padre e figlio all’origine della tragedia verificati intorno alle 4 di oggi a Spadafora, in un’abitazione della zona Arcipretato. Pierluigi Mollica, 59 anni, sarebbe stato sorpreso nel sonno dal figlio ventenne Gabriele che lo ha colpito con un coltello. Ha provato a difendersi, ingaggiando una colluttazione, ma non è riuscito a salvarsi. E’ caduto a terra esanime, ai piedi del letto. Qui lo hanno trovato i Carabinieri della Compagnia di Milazzo, allertati da una telefonata al 112. E proprio il figlio è stato subito fermato dai Militari dell’Arma, indiziato per l’omicidio del padre. Indiscrezioni parlano di qualcosa come oltre venti coltellate. Il giovane è stato fermato a disposizione della Procura della Repubblica di Messina che sta coordinando l’attività d’indagine. Una storia tristissima che getta un velo di dolore sul centro tirrenico nell’ultimo fine settimana agostano, quando il paese è ancora affollato di villeggianti. Pierluigi Mollica era molto noto per il suo impegno nel mondo dello sport. Da circa quindici anni era presidente della squadra di basket messinese del San Matteo, la cui formazione femminile aveva anche giocato i play off per la promozione in Serie A2. E’ stato anche consigliere provinciale della Federbasket.
(sc_adv_out = window.sc_adv_out || []).push({ id : "486803", domain : "n.ads5-adnow.com", no_div: false });
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank
blank