blank

Capri Leone, restaurata la statua del Patrono S. Costantino. Il 25 agosto sarà riconsegnata ai fedeli

Tornerà a casa il prossimo 25 agosto l’immagine sacra di S. Costantino Imperatore, patrono di Capri Leone, con una grande festa. Il simulacro, infatti manca da casa sua, la Chiesa a lui dedicata nella piazza principale del piccolo comune, da dicembre scorso, quando è stato consegnato agli esperti per essere sottoposto ad un importante intervento di restauro.

Ad aprire l’evento organizzato per dare il “bentornato” al santo protettore della comunità caprileonese, saranno le marce sinfoniche in p.zza Vittorio Emanuele, alle 18.30. A partire dalle 19, poi, l’architetto Mariella Vinci, sovrintendente della BBCCA di Messina, Stefania Lanuzza funzionario della sovrintendenza della BBCCA di Messina, storico  dell’arte che ha seguito i lavori ed Edorardo Anastasi, restauratore che ha materialmente eseguito gli interventi, illustreranno l’iter di restauro dell’opera. Sarà presente anche l’assessore regionale agli enti pubblici Bernardette Grasso, già sindaco di Capri Leone. A conclusione i saluti e i ringraziamenti del parroco Gaetano Vicario. Introduce e modera i lavori lo scultore Mario Valenti.

L’opera costituisce un unicum per l’interland nebroideo nella rappresentazione scultorea della figura dell’Imperatore Costantino e Capri Leone, detiene in tutta Italia il titolo di Santo Patrono cittadino solo insieme al comune sardo di Sedilo.

Prima dell’intervento la statua era completamente ridipinta e ristuccata falsandone la leggibilità del valore artistico e della datazione, ma con il restauro è stato portato alla luce e restituito alla comunità e alla storia dell’arte siciliana, un manufatto in tecnica mista, ascrivibile tra la fine del XVI e la prima metà del XVII secolo, di pregevole fattura.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank