blank

Gotha VII, decise due condanne e un’assoluzione

Due condanne e un’assoluzione. Si è chiuso così il processo ordinario dell’operazione Gotha VII che, nel gennaio 2018, coinvolse cinquanta indagati. A seguito della Camera di Consiglio, i giudici del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto hanno deciso la condanna a 13 anni per Carmelo Giambò, due anni in meno rispetto a quanto chiesto dall’accusa per il reato di estorsione col metodo mafioso nei confronti del responsabile di un centro commerciale. Condanna a otto anni per Santino Napoli, ex vice presidente del Consiglio Comunale di Milazzo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Infine, assoluzione per Giovanni Rao, accusato di estorsione con modalità mafiose ai danni di una catena di profumerie e difeso dagli avvocati Pinuccio Calabrò e Tommaso Autru Ruolo, sostituito dal collega Antoniele Imbesi. Carmelo Giambò era difeso da Paolo Pino e Pinuccio Calabrò, mentre Santino Napoli dagli avvocati Nino Favazzo e Antonio Siracusa. Diversi imputati hanno scelto il rito abbreviato e sono stati già giudicati. Nelle prossime settimane previste altre udienze. 

(sc_adv_out = window.sc_adv_out || []).push({ id : "486803", domain : "n.ads5-adnow.com", no_div: false });
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank