mercoledì, Novembre 25, 2020
blank
Andrea Bocelli in concerto al Teatro Antico di Taormina

Taormina archivia il primo mese post-Covid, a giugno 14mila visitatori al Parco Archeologico

Con quasi 14.000 visitatori (13.981) a giugno 2020 nei tre siti di Taormina, Isola Bella e Naxos il Parco Archeologico Naxos Taormina, archivia il primo, difficile, mese di apertura post covid in una Sicilia orfana, come tutto il Paese, dei grandi flussi turistici che da Nord a Sud alimentano l’economia nelle città d’arte e, in estate, nelle isole e nei borghi di mare.

Con il mese di luglio, tuttavia, Taormina e Giardini Naxos (Messina) cominciano a popolarsi di turisti e ieri, in occasione della consueta prima domenica del mese con ingresso gratuito promossa dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali, i visitatori dei tre siti sono stati 2.138, nonostante un meteo variabile e un veloce acquazzone in mattinata che nel pomeriggio ha lasciato spazio a un cielo dalle tinte estive. I dati forniti da Aditus, concessionari dei servizi di biglietteria del Parco, riportano 1.695 ingressi nel Teatro Antico di Taormina, 300 a Isola Bella e 143 nel Museo e Area archeologica di Giardini Naxos.

“Un inizio in salita questo di giugno dopo il lockdown – commenta Gabriella Tigano, direttrice del Parco -, con numeri che tuttavia migliorano di settimana in settimana, complice l’inizio delle ferie per gli italiani e la ripresa di collegamenti aerei internazionali che stanno portando nella baia di Naxos-Taormina viaggiatori da varie parti d’Europa. Certamente soffriremo l’assenza dei visitatori statunitensi e dell’estremo oriente che fino al mese di febbraio scorso costituivano una presenza costante e consistente, in termini numerici, nei nostri siti archeologici. Ci conforta e ci sostiene l’entusiasmo di tutti i visitatori, stupefatti dalla bellezza dei monumenti e dall’accoglienza”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp