sabato, Novembre 28, 2020
blank
Nunziatina Starvaggi

S. Agata Militello, la minoranza interroga sul “caso indennità” dell’assessore Scurria

Il consigliere di minoranza Nunziatina Starvaggi ha presentato un’Interrogazione a risposta scritta, per chiedere se nel corso del mandato in corso (2018-2020) l’Assessore al Bilancio Antonio Scurria ha, per un determinato periodo realmente prestato attività di lavoratore subordinato; se nello stesso periodo l’Assessore Scurria ha percepito l’indennità di carica per intero pari ad € 1293,22 anziché 646,00; se l’Assessore ha fatto dichiarazioni e/o altro per giustificare l’eventuale mancata riduzione dell’indennità ed infine quale posizione, azione e/o procedimento il Comune ha avviato al fine di verificare ed approfondire la questione ed accertare se l’indennità di cui trattasi andava o meno dimezzata.

L’atto ispettivo segue alla notizia riportata nei giorni scorsi da alcuni blog e giornali online che l’Assessore Scurria avrebbe percepito l’indennità di carica per intero e non dimezzata, anche nel periodo in cui ha svolto attività di lavoratore dipendente. La vicenda è emersa dopo una segnalazione di un ex Consigliere Comunale all’autorità giudiziaria. Il fatto, per la, consigliera Starvaggi ha di certo, rilievo politico in quanto l’assessore Scurria, nell’attuale mandato amministrativo, oltre ad avere la delega al bilancio, ha rivestito e riveste un ruolo importante nelle decisioni e scelte dell’Ente e in più occasioni ha esternato e rivendicato le sue capacità amministrative e tecnico- giuridiche.

Nell’interrogazione si fa riferimento anche alla circostanza che sul sito internet del Comune, la sezione “amministrazione trasparente” da tempo risulta in manutenzione e non consente di acquisire i dati che obbligatoriamente devono essere pubblicati, quali le indennità di carica degli amministratori.

Inoltre, incalza la Starvaggi, “la questione della corresponsione dell’indennità agli amministratori comunali disciplinata dall’art. 82 TUEL, che abbiano ricevuto un incarico a tempo determinato, è stata oggetto di diverse pronunzie delle Corti deputate al controllo […] giungendo “..ad una determinazione univoca ed incontroversa: ossia che l’indennità agli amministratori va dimezzata per i lavoratori dipendenti anche a tempo determinato.”

Per la consigliera Starvaggi, il mancato dimezzamento ed il percepimento per intero di una indennità di funzione, che andava dimezzata, oltre a comportare un danno erariale all’Ente, potrebbe assumere un’ulteriore rilevanza legata alla posizione che riveste l’assessore Scurria nell’attuale amministrazione del Paese ed in funzione di una valutazione politica dell’operato dell’amministratore.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank