Amministrative a Barcellona e Milazzo. FI, DB e FdI lanciano in orbita Midili e Calabrò

496

La notizia clamorosa è stata resa nota poco dopo le 18 di un caldo sabato sera di inizio estate. Un documento firmato dagli onorevoli Ella Bucalo ed Elvira Amata (Fratelli d’Italia), Bernadette Grasso e Tommaso Calderone (Forza Italia) e Pino Galluzzo (Diventerà Bellissima) sancisce e ratifica un accordo che, prima del lockdown, sembrava impensabile. Accordo sottoscritto anche dai candidati sindaci di Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto, Pippo Midili e Pinuccio Calabrò, designati, nelle intenzioni della coalizione, per dare alle due città – citiamo testualmente – “governi autorevoli in grado di finalizzare proficuamente una programmazione amministrativa votata ai principi di efficienza ed efficacia per il bene del territorio”. Le forze politiche rappresentate da Forza Italia, Fratelli d’Italia e Diventerà Bellissima hanno anche manifestato l’apertura a partiti e movimenti civici che vogliano operare in sinergia, condividendo strategie e finalità. L’avvocato Pinuccio Calabrò, candidato sindaco a Barcellona Pozzo di Gotto, appunto, ha rivolto un ringraziamento a Ilenia Torre, proposta prima della fase emergenziale come candidato sindaco di Diventerà Bellissima. In attesa di conoscere in conferenza stampa progetti e programmi del centrodestra unificato, ci sarà anche da capire come si muoverà la Lega alla luce della mancata sottoscrizione dell’accordo da parte dei rappresentanti del partito del Carroccio che, nelle scorse settimane, aveva portato nelle due città il leader nazionale Matteo Salvini in aperto sostegno alla candidatura di Lorenzo Italiano a Milazzo. E, in calce all’accordo, manca anche la firma di Ora Messina dell’onorevole Luigi Genovese. Nelle more di comprendere gli sviluppi dei prossimi giorni, o settimane che siano, prende ufficialmente il via una campagna elettorale che si preannuncia intensa.