sabato, Settembre 26, 2020

Riapertura saloni e centri estetici, Confesercenti presenta protocollo di sicurezza al Governo Regionale

“La riapertura per le imprese del settore immagine e benessere in Sicilia sembra più vicina. Per favorire la ripartenza abbiamo già proposto un protocollo di sicurezza al governo regionale”. A dirlo è Nunzio Reina, responsabile dell’area Immagine e Benessere di Confesercenti Sicilia che già aveva sottolineato il problema a metà aprile. Proprio Confesercenti Sicilia la scorsa settimana ha presentato al Governo regionale la bozza del documento elaborato dall’associazione per garantire la sicurezza sotto il profilo organizzativo e igienico sanitario. “In attesa che siano emanate a livello nazionale i protocolli per il comparto – dice Reina – di concerto con l’ufficio legislativo nazionale di Confesercenti abbiamo voluto definire un protocollo da mettere a base della discussione con la Regione Sicilia e su cui ci auguriamo possa partire presto il confronto”.

Il documento porta la firma di Reina e del direttore regionale di Confesercenti Sicilia, Michele Sorbera. “Un contributo per ripartire e dimostrare che settore del benessere, sotto il profilo della tutela della salute dei propri clienti e dei dipendenti – dice Sorbera – può già offrire tutte le garanzie necessarie per la riapertura”.

Tre i capitoli del protocollo: aspetti di carattere organizzativo, aspetti igienico sanitari, aspetti aggiuntivi per i centri estetici.

Dal punto di vista organizzativo, la bozza di protocollo proposta da Confesercenti Sicilia prevede la ripresa delle attività “esclusivamente su appuntamento” con la possibilità di “orari flessibili a tutela dello svolgimento dell’attività e della turnazione dei dipendenti” e una serie di accorgimenti per assicurare il distanziamento. Prevista anche la stampa di materiale informativo per il personale e per la clientela sulle norme da seguire. In cima tra gli aspetti igienico sanitari c’è l’utilizzo obbligatorio di mascherine e guanti per il personale (e occhiali protettivi dove non può essere garantito il distanziamento) e l’utilizzo della mascherina per la clientela già all’ingresso (in caso di assenza sarà fornita dal titolare dell’attività). Ancora, tra i dispositivi obbligatori: soluzioni disinfettanti all’ingresso e in corrispondenza a tutte le postazioni di lavoro. Previste inoltre tra le altre misure: l’igienizzazione alla fine di ogni trattamento delle postazioni di lavoro e la disinfezione dei servizi igienici dopo ogni utilizzo. Il protocollo prevede anche ove possibile l’utilizzo di materiale monouso e il lavaggio con prodotti igienizzanti dei dispositivi in tessuto.

Per i centri estetici vengono infine previsti alcuni accorgimenti in più: l’utilizzo di camici monouso o il lavaggio giornaliero degli indumenti ad alta temperatura con prodotti igienizzanti; e un’accurata detersione dei lettini con ipoclorito di sodio-candeggina o alcool denaturato, oltre che l’arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp