mercoledì, Settembre 23, 2020

La nipote avrebbe assoldato due sicari per ucciderla: svolta nell’omicidio di Angela Maria Corona

E’ svolta nell’omicidio di Angela Maria Corona. La donna di 47 anni, brutalmente uccisa, mutilata e gettata in un dirupo dentro un sacco tra lunedì 13 e martedì 14 aprile, nei pressi della SP16 che collega Bagheria con Casteldaccia.

I carabinieri di Bagheria, nella tarda serata di ieri hanno dato infatti esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Termini Imerese a carico di 3 soggetti ritenuti responsabili, in concorso morale e materiale tra loro, dell’omicidio di Angela Maria Corona e del successivo occultamento del cadavere.

Dopo le indagini svolte dai carabinieri e dopo la ricostruzione del GIP, si è scoperto che la nipote della vittima, con cui aveva avuto una forte lite a Pasquetta, avrebbe assoldato due sicari affinché, dietro corresponsione di un prezzo, l’aiutassero ad uccidere Angela Maria Corona ed a occultarne il cadavere.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp