blank

Coronavirus – Il Governo chiude ogni attività produttiva non indispensabile

La decisione del governo è di chiudere, sull’intero territorio nazionale, ogni attività produttiva che non sia indispensabile a garantire i servizi essenziali.

Continueranno a rimanere aperti tutti i supermercati e i negozi di generi alimentari.
“Non ci sono restrizioni sull’apertura dei supermercati, quindi non c’è motivo di accalcarsi”, ha ribadito Conte.

“Al di fuori dalle attività essenziali consentiremo solo il lavoro in smart working, rallentiamo adesso, senza fermarci, per contenere il più possibile la diffusione del contagio”.

“Ho sempre scelto di rendere tutti voi partecipi”, ha esordito nella serata di sabato 21 marzo il Premier Giuseppe Conte, collegandosi come di consueto con gli italiani dal suo ufficio per una diretta.

“I decessi a cui tutti i giorni siamo chiamati ad assistere sono storie di famiglie che ogni giorno perdono i loro affetti più cari”, ha continuato il Presidente del Consiglio.

“Quelle che abbiamo preso sono misure severe, rinunciare a radicate abitudini non è affatto facile, ma solo così riusciremo a tutelare noi stessi e coloro che amiamo. Il nostro sacrificio è nulla in confronto a quello dei nostri concittadini medici e infermieri, che ogni giorno rischiano molto di più in ospedale. Ma voglio ringraziare anche gli uomini e le donne delle forze dell’ordine, la Protezione Civile, i lavoratori delle farmacie e dei supermercati, ma anche gli operatori dell’informazione, che compiono ogni giorno un atto di amore nei confronti dell’Italia intera.”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank