domenica, Settembre 27, 2020

Coronavirus – Messina, 7 contagiati all’IRCCS Bonino Pulejo. Il sindaco De Luca: “Pretendo chiarezza su tutto”

“Io sono stato al mio posto nel rispetto dei ruoli ma ora non ci sto più! Esercito il mio ruolo di massima autorità locale di sanità e pretendo chiarezza su tutto!”

Così Cateno De Luca, sindaco di Messina, tuona dal suo profilo facebook, annunciando una videoconferenza per questa sera alle 18:45 in diretta facebook sulla pagina “De Luca Sindaco di Messina” ed in contemporanea su alcune emittenti locali ufficializzando anche che 7 persone sono state contagiate da coronavirus al centro neurolesi cittadino “Bonino Pulejo”

Ho chiesto al Prefetto di Messina di convocare una video conferenza per domani ore 16:00 per istituire una cabina di regia per la concreta gestione dell’emergenza coronavirus nel territorio del comune di messina e la risoluzione delle numerose e gravi carenze ancora irrisolte ” continua De Luca. “Dopo la recente conferma della presenza di n. 7 soggetti contagiati da Coronavirus all’interno dell’ IRCCS Bonino Pulejo, aderendo altresì alle richieste formulate, tra le altre, dall’Ordine dei Medici, da alcune sigle sindacali delle professioni infermieristiche e dall’Ordine dei Farmacisti, di alcuni consiglieri comunali, dal personale medico e paramedico risulta necessario ed indifferibile istituire una cabina di regia per affrontare e gestire il crescente contagio da Coronavirus nel territorio del Comune di Messina. A fronte di una costante ed incisiva attività intrapresa da questa Amministrazione per il controllo del territorio finalizzata a ridurre il rischio di contagio derivante dalla incontrollata circolazione delle persone, che costituiscono esse stesse causa e mezzo del contagio, si assiste in queste ore ad una crescente minaccia che arriva proprio dalle strutture sanitarie dove gli Operatori e i soggetti ricoverati rischiano di essere lasciati soli a fronteggiare una situazione che, se non verrà affrontata con razionalità ma soprattutto con una azione strategica unica, in breve diverrà causa di un contagio collettivo ed inarrestabile“.

Altre tematiche sulle quali risulta necessario confrontarsi con chiarezza sono le seguenti:
– Le strategie che si intendono porre in essere per il controllo e la prevenzione del contagio, con esecuzione di test tampone a tutto il personale sanitario operante nelle varie strutture ospedaliere e sanitarie (pubbliche e private) in via preventiva e con cadenza periodica, finalizzate ad individuare immediatamente eventuali contagi ed isolarli dal resto della comunità lavorativa ed ospedaliera;
– La carenza di DPI per tutto il personale sanitario impegnato nella gestione della emergenza ed a contatto diretto con i pazienti. Modalità di approvvigionamento continuo, qualitativo e quantitativo;
– Situazione del livello infrastrutturale legato al numero reale di posti utilizzabili per la Terapia Intensiva, e quali misure adottare per implementare il numero degli stessi.

Per affrontare le su esposte tematiche e affrontare in modo organico la gestione sanitaria dell’emergenza, si è chiesto a S.E. il Prefetto di convocare con urgenza un Tavolo Organizzativo per la gestione della crisi che, con molta probabilità salvo imprevisti, si terrà domani nel primo pomeriggio con le modalità della video conferenza. Al detto confronto abbiamo chiesto che vengano invitati, oltre i rappresentanti canonici, anche l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, l’Ordine delle Professioni Infermieristiche e quello dei Farmacisti, i direttori generali di ASP, Policlinico, Papardo ed IRCCS.”

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp