mercoledì, Ottobre 21, 2020

Militello Rosmarino: Riotta nomina un nuovo assessore, monta la polemica

Con una determina che porta la data di ieri, 16 marzo 2020, il sindaco di Militello Rosmarino, Salvatore Riotta, ha nominato un nuovo assessore comunale, per sostituire il dimissionario Benedetto Artino Innaria.

Si tratta del consigliere comunale Angela Musarra, che si unisce in giunta ad Antonino Tomasi, Lucia Antonella Blogna e Giuseppina Miraglia Fagiano.

Ad Angela Musarra vanno le deleghe ad Agricoltura e foreste, fiere, urbanistica, servizi tecnici e manutentivi e attività produttive.

Non si è fatta attendere la replica della minoranza, con il gruppo “Militello migliore” che, in questi giorni nei quali tutto il mondo grida “restate a casa”, chiede all’amministrazione comunale di “andare a casa”.

Questa la nota della minoranza:

«In un momento nel quale il mondo è attanagliato dalla paura e dall’angoscia, nel quale l’essere umano di qualunque età e colore ha bisogno per quanto possibile di essere rassicurato, nel quale – sebbene sia chiaro che nessuno possa fare miracoli – ai cittadini serve la vicinanza dei propri punti di riferimento soprattutto istituzionali, non si è udita una sola parola di informazione, di presenza, di sicurezza, di vicinanza, di conforto, da parte del primo cittadino.

Il Sindaco, ad oggi, non ha dato una sola notizia, una sola spiegazione relativa all’emergenza, non si è sentito in dovere né di tranquillizzare né di informare nessuno, tant’è che tutta la popolazione si chiede dove sia e perché non ritenga opportuno far sentire la vicinanza ai propri cittadini.

Però, in questo incredibile silenzio, si è preoccupato di assicurare la giostra degli Assessori, secondo i loro accordi.

Senza nulla togliere ad Angela Musarra, capogruppo di maggioranza che da oggi riveste anche il ruolo di Assessore (alla quale auguriamo di fare un buon lavoro in futuro), l’intero paese si chiede a cosa serva esattamente il cambio al vertice in questo momento; come si possa anche solo pensare in piena emergenza sanitaria di dedicare del tempo alla turnazione degli assessori.

A quale bisogno collettivo risponde l’avvicendamento durante la “pandemia” –  sì la PANDEMIA: una situazione dalla rilevanza EPOCALE, UNICA, DISASTROSA – dell’assessore con delega alle fiere, all’urbanistica, all’agricolture e alle foreste?

In una simile catastrofe mondiale, l’unica giustificazione ad una nuova nomina poteva essere data  dalle competenze in materia di malattie infettive, di chimica farmaceutica, di protezione civile, ma il popolo di Militello così come ogni altro popolo non sa cosa farsene di un nuovo assessore alle fiere e ai mercatini.

Come sempre, anche oggi l’ennesima riconferma: la tempistica non è il punto forte di questa amministrazione. C’è un momento per tutto. E il momento attuale per tutto era tranne che per nominare un nuovo assessore. Bisognava fermarsi, bisognava aspettare, bisognava avere rispetto dello sconforto dei cittadini.

Questo dimostra la totale decontestualizzazione di questa Amministrazione dal mondo circostante, la sua lontananza dai bisogni della nostra gente…

E in questi giorni nei quali tutto il mondo grida “RESTATE A CASA”, noi non possiamo che dirvi “ANDATE A CASA”.»

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp