Peculato, il tribunale di Patti ha assolto un ferroviere

716

Il gup del Tribunale di Patti Eugenio Aliquò, all’esito del giudizio abbreviato celebrato oggi, ha assolto un uomo originario di Falcone che, alle dipendenze della società Ferrovie dello Stato, era stato accusato di peculato, per essersi appropriato, unitamente al capotreno, di un portafogli contenente la somma di 1.800 euro.

L’episodio, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbe avvenuto all’interno di un convoglio ferroviario proveniente da Palermo e diretto a Messina. I fatti si sarebbero verificati in prossimità della stazione ferroviaria di Capo d’Orlando. Il Pubblico Ministero, all’esito della requisitoria, aveva richiesto una condanna a 3 anni di reclusione. Il ferroviere, difeso dall’avvocato Giuseppe Ciminata, è stato assolto con la formula “per non aver commesso il fatto”.