Palermo: adescava minorenni su Facebook, arrestato 41enne

668
Cellulare
Arrestato 41enne

I carabinieri di Copertino, un comune di quasi 24mila abitanti in provincia di Lecce, hanno eseguito ieri a Palermo un fermo di polizia giudiziaria nei confronti di un 41enne siciliano. E’ accusato di pedopornografia ed estorsione.

L’uomo, un tecnico informatico, avrebbe adescato, tramite Facebook, oltre 20 bambine tra i 9 e i 12 anni su tutto territorio nazionale. Al momento si trova rinchiuso presso il carcere Pagliarelli.

I fatti risalgono al periodo compreso tra il marzo del 2018 e l’aprile del 2019. L’uomo avrebbe obbligato le vittime a mostrare organi sessuali e a ritrarsi in pose erotiche, facendosi inviare il materiale pedopornografico e riducendole al silenzio con la minaccia di riferire ai genitori di contatti con uno sconosciuto.

La tecnica adottata, quella consueta: creava profili falsi, fingendosi a sua volta un ragazzino e usando immagini di giovani avvenenti. Dietro ai quali, dunque, si celava un vero e proprio mostro.

L’indagine è partita dal Salento, e in particolare da Copertino, dopo la denuncia dei genitori di una ragazzina di 12 anni. L’inchiesta, coordinata dal pm del tribunale di Lecce Luigi Mastroniani, ha portato a tre perquisizioni domiciliari a Palermo, con il sequestro di consistente materiale informatico pedopornografico.