Da Barcellona Pozzo di Gotto a Roma per una proposta di matrimonio e uno schiaffo ai pregiudizi

43259
Della loro storia d’amore si era occupata anche la nota trasmissione televisiva “Le Iene”. Lei è Roberta Macrì, nota per il suo impegno a favore delle persone con disabilità. La vita di Roberta è cambiata a seguito di un incidente stradale che l’ha costretta a muoversi in carrozzina. Conosce Giuseppe, nasce una simpatia e subito dopo l’amore. E così Giuseppe la segue in tutte le sue performance da ballerina in carrozzina, da campionessa di parapowerlifting e in tutti gli eventi ai quali prende parte. In uno di questi, riceve dalla sua amata una sorpresa da rimanere a bocca aperta.
E’ successo il 31 dicembre, nel primo pomeriggio, davanti alla suggestiva e incantevole cornice di Piazza del Colosseo, a Roma. Roberta prende parte a un evento della Bodypositive catwalk, un’associazione no profit che nasce dal desiderio di Laura Brioschi  e Paolo Patria con l’obiettivo di aiutare tutte le persone che non riescono ad apprezzare il loro corpo. In poche parole, girano il mondo per dire basta ai pregiudizi, ai comportamenti aggressivi contro le diversità a qualunque livello.
Ed è in questo contesto che Roberta propone al suo Giuseppe di sposarla. Lo fa con un anello semplice, niente di costoso. Semplice come l’amore che li ha uniti e continua a unirli. Sullo sfondo la colonna sonora del loro amore, “Nient’altro che noi” di Max Pezzali cantata dalla voce di Ena e Anna. Giuseppe si avvicina, timido, sorpreso. Un bacio, le foto di rito, gli applausi dei presenti. Tutto molto bello, molto dolce, molto significativo.
“Chi lo ha detto che deve essere l’uomo e non la donna a fare la proposta di matrimonio? – afferma Roberta –  Chi lo ha detto che una persona con disabilità non può amare ed essere amata? Chi lo ha detto che una donna non può essere bella anche con qualche kg in più? Chi lo ha detto che una persona con disabilità non può curarsi per sentirsi più bella?
Chi lo ha detto che per fare la proposta di matrimonio bisogna regalare un brillocco? Io con un semplice piccolo gesto ho provato a sdoganare tutti questi pregiudizi. La vita è come ce la creiamo ed io sto provando a crearmela”.
Infine, i ringraziamenti a chi le ha permesso di attuare la sua proposta di matrimonio fuori dagli schemi: “Voglio ringraziare Laura Brioschi e Paolo Patria  per avermi permesso di compiere questo folle gesto e tutta la famiglia della Body positive catwalk  in particolare Ena ed Anna per aver prestato la loro voce cantando la canzone “nient’altro che noi” di Max Pezzali, cioè la colonna sonora del nostro amore”.