Catania, bar abusivo gestito da… due bambini. Servivano alcolici e gestivano la cassa

2438
bar catania

Due fratelli di 9 e 10 anni gestivano un bar con annessa sala giochi e rivendita di fuochi d’artificio in una struttura costruita abusivamente nel popoloso rione Librino a Catania.

L’attività era gestita dai due minorenni con l’assenso del padre e del fratello maggiorenne, entrambi impegnati in un’altra attività lavorativa. I due bambini servivano bevande alcoliche agli avventori e gestivano la cassa, la sala giochi e la vendita di fuochi vietati ai minori di 18 anni, lavorando, tra l’altro, in luoghi non salubri e non sicuri.

Nel pozzetto congelatore erano custoditi prodotti alimentari surgelati non contrassegnati come tali in apposito menù. Uno dei due bambini, infastidito dal controllo di polizia, ha acceso dei fuochi d’artificio dentro il locale e in strada.

Il padre dei bambini e il fratello maggiore sono stati denunciati per vendita e cessione di fuochi d’artificio a minori di 18 anni, invasione di edifici e terreni pubblici, sfruttamento del lavoro minorile, mancanza della tabella dei giochi proibiti, frode alimentare e, solo per il padre, in quanto esercente la potestà genitoriale, di accensione di fuochi d’artificio in luogo pubblico senza autorizzazione.