Impresa Orlandina, espugnata Torino nell’ultima gara del 2019

575

L’Orlandina compie l’impresa, espugnando il PalaRuffini di Torino per 81-85 nell’ultima gara del 2019.

Dopo un avvio di gara lento, i paladini imprimono il loro ritmo nel secondo quarto, portandosi addirittura sul +15 prima dell’intervallo lungo con sette punti di fila di capitan Lucarelli.

Dagli spogliatoi i piemontesi rientrano con nuova linfa, completando la rimonta in avvio di ultimo quarto e andando anche sul +5 (70-65).

Capo d’Orlando però non si fa prendere dallo sconforto e con due buone iniziative di Tarence Kinsey, riesce a tenere duro e a trovarsi avanti alla sirena finale, tornando dalla trasferta di Torino con due punti importantissimi, che le permettono di staccarsi in classifica dall’Eurobasket Roma.

I paladini torneranno in campo domenica 5 gennaio, al PalaFantozzi, per affrontare Trapani nel derby che sarà fondamentale vincere per iniziare al meglio il 2020.

Passiamo alla cronaca del match:
Avvio di gara a ritmi alti, con i torinesi che vanno sul 6-2. Lucarelli infila la tripla, Cappelletti prova a tenere ancora a distanza Torino, ma con Laganà e Bellan l’Orlandina si porta in vantaggio sull’8-10. Due triple di Marks riportano Torino avanti, ma con Querci e Laganà l’Orlandina torna avanti sul 16-18. Pinkins dalla lunetta riporta la parità a quota 19 e Donda, appena entrato in campo, realizza in tap-in il nuovo +2. Il buzzer beater di Giancarlo Galipò, sulla sirena del primo quarto, sigla il massimo vantaggio dei biancoazzurri, +4 (19-23).

In avvio di secondo quarto Mobio, Kinsey e Bellan portano i paladini sul +8, ma 4 punti di fila di Diop tengono Torino sul -4 (27-31). Al rientro dal time-out chiesto da coach Sodini la tripla Lucarelli, due punti di Bellan in contropiede e il gioco da tre punti di Laganà portano i paladini sulla doppia cifra di vantaggio 27-39 (+12). È Pinkins, con 4 punti di fila, a ridurre lo scarto fino al 31-39. Risponde capitan Lucarelli, con ben sette punti di fila personali che fano volare l’Orlandina sul +15 (31-46). L’1/2 di Pinkins manda le squadre negli spogliatoi sul 34-47.

In avvio di terzo quarto Cappelletti riporta Torino sul -9 (40-49), ma Laganà e Mobio tengono gli ospiti ancora sul +11. Torino non ci sta e con le triple di Alibegovic e Pinkins e l’inchiodata di Diop in contropiede torna a sole 5 lunghezze di distanza (51-56). Mobio ne mette due dalla media, ma i padroni di casa fanno sentire il fiato sul collo ai paladini, con il 2/2 di Cappelletti e un’altra schiacciata di Diop (55-58). Kinsey e Donda provano a togliere le castagne dal fuoco, ma Cappelletti e la tripla di Diop chiudono il quarto sul 62-63.

Torino completa la rimonta, tornando in vantaggio con la schiacciata di Diop in avvio di ultimo quarto (64-63). Johnson prova a tenere ancora avanti i suoi, ma Diop, Cappelletti e Pinkins allungano il vantaggio dei padroni di casa fino al +5 (70-65). Mobio accorcia con la tripla, Alibegovic ne mette due, ma il gioco da quattro punti di Kinsey impatta nuovamente a quota 72. Pinkins è preciso in lunetta, ma con Kinsey e la tripla di Querci Capo d’Orlando torna avanti sul 74-77. Cappelletti e Traini riportano sul +1 Torino e dalla lunetta Kinsey ribalta per il 78-79 a 1’30’’ dal termine. Diop fa 2/2 dalla linea della carità e la tripla di Querci vale il nuovo +2 ospite (80-82). Nei giri in lunetta che chiudono la gara Diop fa solo 1/2, Laganà li mette entrambi, mentre l’1/2 di Lucarelli chiude definitivamente la gara, portando Capo d’Orlando sul +4 a 5 secondi dal termine e la gara finisce 81-85.

Reale Mutua Torino – Orlandina Basket 81-85 (19-23; 34-47; 62-63)
Reale Mutua Torino: Pinkins 24, Diop 24, Marks 13, Alibegovic 5, Traini 2, Cassar n.e., Campani, Ianuale n.e., Castellino n.e., Reggiani n.e., Toscano, Cappelletti 13. Coach: Demis Cavina.
Orlandina Basket: Laganà 18, Lucarelli 14, Querci 9, Johnson 6, Kinsey 16, Mobio 10, Galipò 2, Donda 4, Ani, Bellan 6. Coach: Marco Sodini.