Barcellona: danni al lungomare, scontro social tra politici

332

Passare dalla litoranea e ritrovarsi di fronte i danni causati dalle forti mareggiate del 22 e 23 dicembre scorsi è un colpo al cuore.

Specialmente per chi su quel Lungomare ha trascorso momenti di svago e a quel luogo è particolarmente legato. Mentre si parla già di come reperire eventuali fondi per arginare l’erosione costiera e ricostruire laddove in questo momento ci sono solo macerie, ecco scoppiare un caso politico che fa registrare un duello a distanza in chiave social tra Avanti con Fiducia e l’Assessore al ramo, Tommaso Pino.

Avanti con Fiducia, con in testa il capogruppo Antonio Mamì, ha attaccato sul fronte di un progetto presentato dal Comune di Barcellona Pozzo di Gotto a valere sul PO FESR  – Misura 5.1.1, classificatosi in ultima posizione e quindi non risultato finanziabile. Progetto con lavori per sette milioni e mezzo di euro che attualmente non arriveranno. L’Assessore ha risposto a mezzo Facebook, alzando i toni e correggendo successivamente il tiro. Sulla pagina ufficiale di Avanti con Fiducia oggi è possibile leggere le dichiarazioni di Antonio Mamì, riportate anche dalla stampa.

Lo stesso sostiene che i danni del litorale barcellonese non sono soltanto da addebitare a eventi naturali catastrofici, ma anche all’incapacità di programmare in modo opportuno gli interventi da effettuare per proteggere la costa.