Oliveri, 43enne assolto dalle accuse tentata estorsione e minacce

158

Assolto da tentata estorsione e minacce, condannato solo per maltrattamenti in famiglia ai danni della madre e degli zii.

Così ha deciso il giudice monocratico del tribunale di Patti Chiara Catalano nei confronti di un 43enne di Oliveri, condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione. L’imputato è stato difeso dall’avvocato Giuseppe Ciminata.

Per le minacce i parenti hanno rimesso la querela. L’uomo era stato arrestato il 3 maggio scorso dai carabinieri della stazione di Falcone a seguito di ordinanza di custodia cautelare; era rinchiuso nella casa circondariale di Barcellona e ora è stato rimesso in libertà sotto controllo da parte dei servizi sociali del comune di Oliveri.

In un altro contesto giudiziario i giudici della Corte dei conti hanno assolto l’ex dirigente del VI Settore tecnico di Palazzo Longano, ingegnere Gaetano Calabrò, ed i funzionari dello stesso settore l’architetto Salvatore Fazio ed il geometra Antonino Chiofalo, dall’accusa di aver arrecato un danno erariale al Comune, percependo complessivamente compensi professionali per 58.701 euro, relativi alla redazione del progetto definitivo del nuovo Teatro comunale “Placido Mandanici” che per la Procura della Corte dei conti sarebbe stato copiato dall’elaborato originale redatto da altri progettisti incaricati negli anni 90.

Per restare aggiornati sulle ultime notizie in Sicilia seguiteci su Facebook e Instagram.