Gaetano Fortunato nuovo advisor per lo sviluppo della nautica nel Mezzogiorno

280
Gaetano Fortunato
Gaetano Fortunato

La rivista specializzata “Gommone” lo ha definito “ministro per il Sud” dell’industria nautica italiana. E’ l’imprenditore Gaetano Fortunato, 43 anni, socio e manager del cantiere “Eolo” di Patti, a cui il presidente nazionale di Ucina Confindustria, il toscano Saverio Cecchi, ha conferito la delega quale advisor della presidenza nazionale per lo sviluppo della nautica nel Mezzogiorno.

Fortunato è stato anche il primo siciliano eletto nel consiglio di presidenza di Ucina per il settore merceologico natanti ed imbarcazioni fino a 24 metri. Sarà un consulente incaricato di studiare e pianificare soluzioni progettuali in ambito strategico. “Riunificazione del settore e attenzione al Sud sono i due assi portanti della mia azione dalla nomina al vertice dell’associazione nazionale di categoria” ha infatti spiegato il presidente nazionale Cecchi. “Il primo interlocutore al quale ci siamo rivolti è la Ascon, anche a seguito dell’incontro con il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel settembre scorso in occasione del 59° Salone Nautico Internazionale di Genova, al fine di rafforzare la nostra collaborazione”. Ora il testimone è passato a Fortunato, che da oltre 40 anni produce ed esporta in tutto il mondo imbarcazioni a marchio “Eolo” e “Asmarine” in vetroresina, performanti e di alto design, di dimensione tra i 5 e i 10 metri. “Sono onorato e grato della nomina decisa dal presidente Cecchi, figura carismatica e di riferimento per tutta l’industria nautica italiana, ha dichiarato Fortunato; cercherò di ricambiare la fiducia del presidente moltiplicando il mio impegno in chiave progettuale per promuovere la qualità e le potenzialità della cantieristica nautica del Sud, che è un bacino di professionalità artigiane in grado di creare ricchezza e lavoro per il Paese”.