blank

Proroga di 9 mesi nella consegna del porto di Sant’Agata, la minoranza interroga

I consiglieri di opposizione del comune di Sant’Agata Militello Carmelo Sottile, Giuseppe Puleo, Melinda Recupero e Nunziatina Starvaggi interrogano il sindaco sul ritardo dei lavori di completamento del porto santagatese.

Già due settimane fa i consiglieri avevano presentato un’interrogazione sulla proroga di 270 giorni sulla data di consegna dovuta ad una variante progettuale deliberata dall’amministrazione Mancuso a metà maggio. Variante che, si legge nell’atto di richiesta di proroga della ditta esecutrice dei lavori, ha riorganizzato l’edilizia portuale a terra, bloccando di fatto il proseguimento dei lavori.

Adesso i quattro consiglieri chiedono al sindaco chi pagherà i danni per il mancato impiego di risorse, connessi alla proroga concessa dal rup, ma anche se è vero che il termine ultimo per la definizione dell’appalto, pena la perdita del finanziamento, è quello del 31 dicembre 2020.

Sottile, Puleo, Recupero e Starvaggi chiedono anche quali sono i problemi riscontrati sul molo di sopraflutto, le cause della sifonatura e le soluzioni in atto e se è vero che a causa delle difficoltà di reperimento dei massi è in corso una variante che prevede la sostituzione con i tetrapodi e con quali provvedimenti si è giunti a tale soluzione.

Infine, chiedendo risposta scritta, i consiglieri domandano a che punto sono i lavori nella panchina di riva, a cosa sono dovuti i ritardi accumulati e quali risultano le soluzioni in atto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
blank