Acireale, chiude il Palasport. A rischio i concerti invernali

1441
A rischio i concerti invernali

Il palasport di Acireale, l’unica struttura indoor per i concerti nella Sicilia, perderà i suoi eventi invernali. Il palazzetto che da anni ospita artisti nazionali ed internazionali ha chiuso i battenti per i danni alla struttura e per i contenziosi giudiziari, che impediscono i lavori di ristrutturazione in tempi rapidi, in modo da garantire l’agibilità prima di gennaio.

Il tribunale ha infatti rigettato la proposta del sindaco di Acireale, Stefano Alì, e dei privati che avevano trovato un accordo per ristrutturare l’impianto a spese degli organizzatori, da scomputare poi su canoni di locazione.
Ciò – fa sapere il sindaco di Acireale, Stefano Alì – è dipeso dal fatto che sull’invito formulato dal Giudice alle parti per trovare un accordo per consentire l’accesso di maestranze e macchinari sui luoghi e di accettare il rischio di una modifica dello stato dei luoghi, si è registrata la sola opposizione della società Multisport S.r.l., la quale ha ritenuto che accettare il rischio della manomissione dei luoghi, significherebbe sostanzialmente rinunciare all’istanza cautelare nonché compromettere la funzione giurisdizionale della causa di merito. Di conseguenza, non sarà possibile lo svolgimento al Palasport dei concerti programmati per il 28 e 29 novembre, oltre che di quelli programmati per il 6 e 7 dicembre”.

Salteranno o saranno spostati i seguenti concerti: il tutto esaurito per Marco Mengoni e la seconda data (28 e 29 novembre), il concerto di Elisa del 6 dicembre e quello di Coez il 7 dicembre.

Il caso è scoppiato a luglio scorso, quando il Comune è diventato proprietario dell’impianto: l’amministrazione chiede conto dei danni, la società privata, la Multisport s.r.l, che ha gestito il palazzetto dal 2002 fino al luglio scorso, sostiene di essersi accollata un milione di euro di spese straordinarie. Per dirimere la controversia, il tribunale ha nominato un consulente tecnico che ha chiesto tempo fino a gennaio per la relazione. Troppo tardi per i concerti.