S. Agata Militello, interrogazione della minoranza sulla pulizia di tombini e caditoie

698
Nunziatina Starvaggi

“[…]E’ bastato un acquazzone di poco più di un’ora per mandare in tilt l’intera città, colpita da molteplici allagamenti con danni e disagi alla popolazione, riproponendosi così lo stesso scenario dello scorso anno […] tale situazione si è di certo verificata perché l’amministrazione non provvede ad attuare adeguati e regolari interventi di pulizia di tombini, i quali si presentano ostruiti da foglie, cartacce e terriccio […]

E’ questo l’incipit dell’interrogazione presentata ieri dai consiglieri di minoranza Giuseppe Puleo e Nunziatina Starvaggi, dopo gli allagamenti, lo smottamento di via Ragusa e i disagi sul lungomare seguiti alla bomba d’acqua che si è abbattuta su S. Agata Militello lo scorso 30 ottobre. Con l’atto, si chiede al sindaco Bruno Mancuso di dare chiarimenti per iscritto in merito alle attività poste in essere dell’amministrazione per eseguire la pulizia dei circa 3500 pozzetti presenti sul territorio urbano. In particolare Starvaggi e Puleo hanno chiesto dettagli sul corretto e completo espletamento del servizio di pulizia di 740 pozzetti, per cui era stato affidato incarico lo scorso 4 dicembre ad una ditta specializzata per l’importo di 15.000 euro, se il contratto sottoscritto a suo tempo risulta ancora aperto e se sia già stata fatta la contabilità finale per il servizio. Nella nota si riferisce, tra l’altro, di un accesso agli atti, dal quale emergerebbe che, allo stato, sarebbero soltanto un’ottantina i pozzetti ripuliti, nonostante sia trascorso quasi un anno dalla data dell’affidamento del servizio. Inoltre i due consiglieri chiedono di fornire date, zone e modalità di esecuzione degli interventi di pulizia a manutenzione di tombini e caditoie già effettuati ed in programma, se previsti.