Allaccio elettrico abusivo “protetto” da Padre Pio

1992
L'allaccio elettrico abusivo

Le Fiamme Gialle di Messina hanno individuato un allaccio abusivo alla rete elettrica in una lussuosa villa della città in zona Sperone, che alimentava gli apparati interni ed esterni dell’intera abitazione.

I finanzieri, avvalendosi della collaborazione dei tecnici dell’Enel, hanno riscontrato che l’allaccio abusivo alla rete elettrica era stato realizzato con un sezionatore, posto su una parete all’interno dell’abitazione, che confluiva in un secondo quadro, dal quale veniva fraudolentemente sottratta l’energia elettrica utilizzata per l’intero fabbisogno domestico. L’ingegnoso meccanismo era nascosto dietro un quadro riportante l’effige di Padre Pio, posto a “protezione” ed occultamento dell’illecito dispositivo. Oltre al distacco dalla rete elettrica, il titolare dell’immobile, un imprenditore di 72enne di Messina, è stato segnalato all’autorità giudiziaria per furto di energia elettrica.