Ottobrando, un successo anche l’ultimo atto

462

Un bilancio finale che lascia più che soddisfatti gli organizzatori della 15ma edizione di Ottobrando a Floresta. Anche nell’ultimo weekend della manifestazione, dedicato alla provola dop dei Nebrodi, la massiva partecipazione di pubblico, vero protagonista della fiera mercato, ha confermato il ruolo di rilievo che Ottobrando ha conquistato nel settore delle mostre enogastronomiche siciliane, con un’offerta di prodotti ed eventi collaterali capaci di soddisfare target diversificati. Nel pomeriggio di sabato 26 al museo della civiltà contadina si è svolto l’ultimo laboratorio del gusto dedicato alla sperimentazione e alla degustazione di “provola e miele” a cura della scuola alberghiera Medi di Randazzo. Domenica 27 ottobre accanto alla  39ma sagra della provola, le scuole alberghiere del comprensorio, vero elemento di novità e scelta vincente di questa edizione, hanno dato vita agli show cooking sul “gusto del giorno”.

I circensi special guest della giornata, hanno animato con i loro spettacoli la manifestazione, mentre si sono svolti anche gli approfondimenti a carattere socioculturale in programma: il talk show ambientale: “il terzo settore per l’ambiente” a cura della CEA e il laboratorio del gusto : “provola dei Nebrodi e miele di ape sicula nera” a cura Sloowfood Sicilia. Presente alla manifestazione anche Confartigianato, a confermare come Ottobrando si sia ormai evoluta ad incubatore di idee per rilanciare l’economia agroalimentare dei Nebrodi.

Mentre gli organizzatori sono già proiettati all’edizione 2020, nel suo discorso di chiusura dell’evento il sindaco di Floresta, Antonino Cappadona, ha lanciato anche l’iniziativa “case ad 1 euro”