Video – Falcone, profanata una piccola statua della Madonna

846

Un piccola statua della Madonna, sistemata accanto alla statua di Padre Pio, nella centralissima piazza Principe Romeo, è stata spaccata in due. E’ la seconda volta, nel giro di un mese, che viene profanata un’immagine della Madonna. Ieri mattina, vista la situazione, il sindaco Carmelo Paratore ha presentato una denuncia ai carabinieri della stazione di Falcone per danneggiamento. Sembra che la statua sia stata spaccata con un calcio. Si tratta di un atto vandalico o che cosa altro? Saranno i carabinieri ad accertarlo. Proprio ieri hanno compiuto un sopralluogo nel sito dov’era stata posizionata la piccola statua della Madonna; oltre ad un controllo sui luoghi, cercheranno di ottenere ulteriori riscontri dalle immagini di videosorveglianza che sono state installate vicino alla strada. L’episodio è inquietante, perchè non è isolato. Già un mese fa un’altra statua della Madonna, anche questa posizionata accanto alla statua grande di Padre Pio, nello stesso sito localizzato di fronte alla chiesa di San Giovanni Battista, è stata danneggiata. I “vandali” hanno compiuto l’ennesimo sfregio; hanno “tagliato le mani” e sfigurato il volto. Il parroco don Alessandro Caminiti ha fatto un annuncio su Facebook ed è riuscito a recuperare i pezzi mancanti, per poterla restaurare. Entrambe le statue sono state acquistate da un artigiano locale, Peppino Napoli. E’ inutile dire come la comunità di Falcone sia rimasta letteralmente sconvolta per l’ennesimo danneggiamento ai danni della statua della Madonna; potrebbe essere stato il gesto di alcuni ragazzi, da inquadrare dunque in un atto vandalico nudo e crudo, ma, visto che si tratta di un episodio ripetuto, non si può escludere nulla. “Sono sconcertato e sgomento per quello che è accaduto nella piazza centrale del paese e mi faccio interprete dell’indignazione della nostra comunità, ha dichiarato padre Caminiti; fa davvero male al cuore, è un atto grave e deplorevole, ma perchè ci si è accaniti in questo modo e per ben due volte?”