Gravissima carenza di personale infermieristico del reparto di medicina dell’ospedale “Barone Romeo” di Patti, la denuncia della Cisl

1942

Sussiste una gravissima carenza di personale infermieristico del reparto di medicina dell’ospedale “Barone Romeo” di Patti; a fronte di una dotazione organica che prevede undici unità, ad oggi sono in servizio esclusivamente in sei, con un numero complessivo di dodici posti letto ordinari, più due possibili eccedenze.
Lo ha denunciato la Cisl: “Ma ciò che appare vergognoso ed improponibile è il fatto che taluno possa immaginare di colmare la pericolosa assenza di infermieri con gli OSS, che per quanto siano validi ed indiscussi professionisti svolgono un ruolo contrattualmente e deontologicamente diverso, per cui non possono in alcun caso interscambiarsi con gli unici attori dell’assistenza sanitaria, nel rispetto della vigente normativa. Ne tantomeno si può accettare il messaggio subliminale di qualcheduno teso ad imporre agli operatori di chinare il capo ed andare avanti a qualsiasi costo, sostenendo un carico di lavoro e di stress ben al di sopra del limite consentito, indubbiamente rischioso per gli infermieri e per gli utenti, poiché diversamente come premio per essersi impegnati al massimo nell’assicurare i turni ed il mantenimento dei LEA, si dovrà persino rientrare dalle meritate ferie!” A questo punto il sindacato, con il segretario aziendale Carmelo Pagana ed il responsabile provinciale Giovanna Bicchieri, ha diffidato il direttore sanitario dell’ospedale di Patti ad intervenire con immediatezza, per ripristinare idonee e sicure condizioni lavorative per  tutti gli operatori con particolare riguardo nei confronti degli infermieri.