giovedì, Ottobre 22, 2020

Naso, 625 mila euro dal ministero per il consolidamento di Contrada Maina

“Con i lavori in contrada Maina di Naso, ridiamo serenità agli abitanti, garantendo al contempo sicurezza e incolumità”, a dichiararlo è la Portavoce del Movimento 5 Stelle Antonella Papiro, dopo che tra i 12 interventi previsti dalla Regione nel Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico, 8 saranno in provincia di Messina ed uno inciderà sulla vivibilità e sulla sicurezza dei cittadini di Contrada Maina.
“Dopo aver sburocratizzato le procedure con il Decreto Cantiere Ambiente, riducendo i tempi a soli 3 mesi (mentre prima per approvare un progetto erano necessari mediamente 24 mesi) –  ha spiegato la deputata del Movimento 5 Stelle -, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha inserito nel documento relativo al Piano Stralcio 2019, gli interventi che Regioni e Province autonome hanno ritenuto essere di più celere attuazione e che sono necessari per la tutela della sicurezza della popolazione, a prescindere dal livello di progettazione disponibile”.
“Siamo molto soddisfatti del finanziamento ottenuto – ha evidenziato il sindaco di Naso Daniele Letizia – perché consentirà di intervenire celermente nel ripristino di un’essenziale arteria viaria del nostro territorio, ormai interrotta da otto lunghi anni, e che darà una risposta concreta alle esigenze dei cittadini, garantendo, al contempo, anche la piena funzionalità del versante in frana, sul quale insistono numerosi immobili di privati”. Letizia ha infine ringraziato l’onorevole Papiro per essere stata interlocutore attento e disponibile.
In totale, gli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico che riguardano la provincia di Messina ammontano a 14.395.000 €, su un totale di quasi 21 milioni di euro previsti per la Sicilia dal Piano stralcio firmato dal ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.
“Otto progetti sui 12 dell’Isola – precisano De Luca e Zafarana – sono lavori di consolidamento e protezione che potranno essere realizzati a Messina (Bordonaro), Castroreale (Bafia), San Fratello (via Normanna, Porta Sottana, Lavanche, Buviano, San Nicola), Roccalumera (torrente Sciglio), Santa Lucia del Mela (contrada Curatola, via Cesare Battisti, via Palombello, centro storico), Librizzi (centro) e Naso (contrada Maina). Il governo nazionale sta dando delle risposte concrete e la provincia di Messina, che per la sua naturale conformazione geomorfologica ha bisogno di parecchi interventi, è stata tenuta finora nella giusta considerazione e siamo sicuri che la stessa attenzione sarà riservata in seguito”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp