Assoluzione in via definitiva per Enzo Sindoni dall'accusa di abuso d'ufficio

La Cassazione ha annullato senza rinvio, perché il fatto non sussiste, una sentenza di condanna a nove mesi di reclusione che era stata emessa dal tribunale di Patti e poi confermata dalla corte d’appello di Messina, a carico dell’ex sindaco di Capo d’Orlando Enzo Sindoni.
La vicenda giudiziaria risale al 2012, quando fu effettuata una verifica fiscale presso un panificio di Capo d’Orlando; in conseguenza di questo controllo, l’agenzia delle entrate stabilì la sanzione della chiusura dell’esercizi commerciale per quattro giorni e si decise di chiudere dal 4 all’8 agosto. Ma poiché quello era l’unico panificio che realizzava prodotti per celiaci e visto che si era nel clou della stagione, il sindaco Sindoni dispose un’ordinanza contingibile ed urgente per motivi di sanità, stabilendo che la chiusura si sarebbe dovuta posticipare al 4 settembre. A quel punto ci fu la denuncia della guardia di finanza di Capo d’Orlando e l’intervento della prefettura di Messina, che indicarono una nuova data di chiusura del panificio: il 26 agosto. Il sindaco Sindoni dispose una nuova ordinanza contingibile ed urgente, sempre per motivi di sanità, posticipando la chiusura nuovamente al 4 settembre. Per questi motivi Enzo Sindoni fu rinviato a giudizio dal gip del tribunale di Patti Ugo Molina per il reato di abuso d’ufficio; nel 2017 il tribunale di Patti condannò Sindoni alla pena di nove mesi di reclusione e in avanti la corte d’appello di Messina confermò la condanna. A questo punto gli avvocati Carmelo Occhiuto e Maria Americanelli presenteranno ricorso in cassazione e la Suprema Corte ora ha chiuso il caso. Ha annullato la condanna senza rinvio, disponendo l’assoluzione con la formula più ampia, perché il fatto non sussiste.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp