Oggi l'ultimo saluto a Sergio

6453

Si svolgeranno oggi pomeriggio alle 15:30, presso la Chiesa di S. Antonio a Capo d’Orlando, i funerali del nostro direttore Sergio Granata.

Riceviamo e pubblichiamo il ricordo del Vice Capo Redattore della Redazione Scienze e Multimedia del Tg2, Bruno Princiotta.
«Mi piace ricordare Sergio così come l’ho conosciuto e seguito sin dai nostri primi passi di giovani cronisti di paese, impegnati nella raccolta di notizie in quella che per tutti era un’avventura : far muovere i primi passi al primo Telegiornale della zona dei Nebrodi . “AM Notizie”, decidemmo quel nome tutti insieme, Sergio Granata, Antonio Puglisi, i fratelli Salvatore e Giuseppe Pintaudi, Filippo Nasca ed altri giovani di allora che in questo momento sfuggono. Io avevo la responsabilità della redazione di Antenna del Mediterraneo che negli anni Novanta si trovava in un piccolo appartamento di via Messina a Capo d’Orlando, vicino all’attuale Bar Giulio.
Ricordo che sotto di noi c’era il panificio Zingales. Sergio era sempre il primo a scendere giù a prendere per tutti un buon pezzo di pane appena sfornato, un gesto che rappacificava tutti noi spesso troppo in tensione durante la preparazione del Telegiornale.
Eravamo una squadra compatta che lavorava anche dodici ore al giorno per far bene il lavoro di ricerca instancabile di notizie. Adesso dirò una cosa che potrà sembrare di circostanza, ma vi assicuro non lo è.
Sergio Granata era quello che per primo si offriva a seguire i servizi esterni, non si risparmiava sin da allora, correva da una parte all’altra della redazione, rispondeva al telefono e scappava fuori con l’operatore per raccontare dal vivo gli accadimenti di giornata, ovunque fossero. A volte si discuteva con Sergio, lui ti guardava dritto negli occhi per trasmetterti tutti i dubbi nel procedere nella scelta delle notizie migliori e nel dare la giusta priorità ai fatti di giornata. Spesso sono tornato sui miei passi dando precedenza alle proposte di Sergio sui fatti da seguire.
Continuammo così per qualche anno, dopo io andai via e ricordo che era ormai chiaro a tutti che il testimone sarebbe passato a Sergio per la gestione della redazione. Il più motivato, sempre pronto “sul pezzo”, instancabile, non si tirava mai indietro, non si risparmiava mai. Parliamo degli anni Novanta, tutti pieni di energia. E Sergio ha continuato così’, sempre alla stessa velocità. Sempre con l’obiettivo di far bene, senza retro pensieri e trasparente com’era lui. Mi dispiace solo di non essere riuscito a salutarlo, per l’ultima volta, la sera della seconda partita play off in casa con il Ravenna, quando con mio figlio lo abbiamo visto passarci vicino ai posti di tribuna. Sergio, come sempre, andava di corsa verso la sua postazione per la telecronaca, svolgere il suo dovere di cronista e raccontare le gesta della sua Orlandina Basket.
Grazie Sergio, ci mancherai.
Ciao,
Bruno Princiotta»