Amministrative 2019, tutte le sfide del messinese

1269

Domani si svolgeranno in Sicilia le elezioni amministrative. Sono chiamati al voto 34 Comuni, di cui 7 con il sistema proporzionale e 27 con quello maggioritario, per una popolazione complessiva di 496.350 cittadini. Si vota dalle ore 7 alle 23 e lo scrutinio inizierà al termine delle operazioni di voto. Nei Comuni con popolazione fino a 15mila abitanti – è il caso di tutti i comuni della provincia di Messina – viene eletto al primo turno il candidato sindaco che ottiene il maggior numero di voti validi. L’elettore può scegliere di votare per una lista, attribuendo così automaticamente la preferenza anche al candidato sindaco collegato (cosiddetto ‘effetto trascinamento’), oppure può votare solo per il candidato sindaco. Si può inoltre effettuare il ‘voto disgiunto’, votando per un candidato sindaco e per una lista ad esso non collegata. Infine, per il consiglio comunale, l’elettore può esprimere la propria preferenza scrivendo il cognome, o nome e cognome in caso di omonimia, del candidato prescelto di fianco al simbolo della lista. Qualora esprima due preferenze, dovranno essere una di genere maschile e l’altra di genere femminile, pena la nullità della seconda. Questi i comuni al voto in provincia di Messina e i candidati a sindaco: Brolo – Pippo Laccoto, Irene Riccardello e Salvatore Garito, Condrò – Rino Scattareggia e Giuseppe Catanese, Forza D’Agrò – Bruno Miliadò e Melina Gentile, Leni – Giacomo Montecristo, Sergio Russo e Giulia Mastroeni, Longi – Nino Miceli e Antonino Fabio, Mandanici – Mario Scigliano e Giuseppe Briguglio, Oliveri – Francesco Iarrera, Sergio Lembo e Giuseppe Di Benedetto, Rometta – Nicola Merlino ed Enrico Etna, Spadafora – Lillo Pistone, Tania Venuto e Pippo D’Amico e Tortorici – Maurilio Foti, Antonio Pateriniti e Emanuele Galati Sardo.
Come consuetudine, lo scrutinio verrà seguito in diretta domani su Antenna del Mediterraneo dalle ore 23 (visibile ance in streaming www.amnotizie.it/live)