Otto vittorie di fila, l'Orlandina batte Tortona e riaggancia Roma in vetta

707

Ottava vittoria consecutiva della Benfapp Capo d’Orlando, che batte nettamente Tortona e aggancia nuovamente Roma, superata da Treviglio, in vetta alla classifica del Girone Ovest di A2 a quota 36.

A due giornate dal termine della stagione regolare l’Orlandina Basket può scrivere la storia. Servirà però ancora vincere una partita in più della Virtus Roma, che ancora è davanti ai paladini in virtù dello scontro diretto a favore.
I biancoazzurri dominano già dall’avvio, iniziando la gara con un parziale di 21-0 stroncando sul nascere qualsiasi velleità degli avversari.  Straordinaria prestazione di Brandon Triche che chiude con 35 punti, 11 rimbalzi e 6 assist! Doppia-doppia anche per Parks con 26 punti e 11 rimbalzi! 9 punti per Nicola Mei, 8 punti e 9 rimbalzi per Capitan Bruttini, 6 a testa per Laganà e Bellan.
Parks mette a segno i primi punti del secondo quarto per il +23 (40-17). Ndoja, Alibegovic e Garri provano a tenere in vita Tortona, e accorciano il vantaggio fino al 45-28. Ma i paladini sono sempre lì e con solidità respingono ogni tentativo di rimonta avversario, tornando sul +20.
Bertone, Alibegovic e compagni ci provano in ogni modo a ricucire lo svantaggio nel terzo quarto, ma riescono a portarsi solo sul -23 (73-50). Le triple di Mei, Triche e Parks, più i due punti di Neri a fine terzo quarto, chiudono il parziale sul 88-57.
Alibegovic che prova a caricarsi sulle spalle i suoi nell’ultimo quarto, ma ci sono Triche e Laganà a tenere gli ospiti a distanza e Neri scrive 100 sul tabellone con la tripla dall’angolo. Coach Sodini concede spazio ai più giovani nel garbage-time, chiudendo la gara con in campo Galipò, Ravì, Murabito, Neri e Mobio. A segno anche Murabito, e nei minuti finali Tortona prova a salvare la faccia, ricucendo 10 lunghezze con Bertone e Alibegovic e chiudendo la gara sul -20 (104-84).
Le parole di coach Marco Sodini nel post gara: “Faccio i complimenti alla mia squadra per come ha approcciato alla partita. La partita è durata tre minuti e mezzo, non c’è nient’altro da dire. Continuiamo a inseguire Roma, ma adesso andiamo a Latina, sarà dura anche perché hanno preso una bella batosta in trasferta. Sappiamo di aver perso in casa contro Latina e devo responsabilizzare la mia squadra perché le ultime due partite non saranno come questa. È chiaro che una vittoria così serve, ma quanto fatto stasera non basta. Noi abbiamo preso atleti potenzialmente di Serie A e giocatori giovani con grandi margini di miglioramento, che abbiamo visto che sono migliorati. È chiaro che sul nostro progetto, che è biennale, siamo in largo anticipo. Ci sono cose che vanno oltre il talento individuale, la tecnica, le caratteristiche specifiche di ogni ragazzo, e cioè che quello che gli sta attorno, tifosi, staff, Capo d’Orlando e tutto il resto riescono a metterli nelle condizioni di non essere dieci dita di una mano, ma due pugni”.
Benfapp Capo d’Orlando – Bertram Tortona 104-84 (38-17; 60-38; 88-57)
Benfapp Capo d’Orlando: Ravì, Bruttini 8, Laganà 6, Parks 26, Mobio 2, Murabito 2, Mei 9, Triche 35, Bellan 6, Galipò, Neri 5, Lucarelli 5. Coach: Marco Sodini.
Bertram Tortona: Alibegovic 30,  Buffo 2, Ndoja 9, Garri 11, Lusvarghi, Viglianisi, Bertone 21, Gergati 5, Spizzichini, Lydeka 6. Coach: Marco Ramondino.