Capo d'Orlando, sottraggono 11enne. "Andava col fidanzato a Catania"

7997

Saranno ulteriori indagini, ancora in corso, a stabilire se vi saranno sviluppi ulteriori oltre alla denuncia a piede libero, nei confronti di due catanesi che sabato hanno prelevato una undicenne all’uscita da scuola per portarla nella città etnea insieme al figlio di 14 anni (fidanzato della ragazzina).
Una storia raccontata ieri dai familiari della undicenne che avevano presentato poco dopo la scomparsa una denuncia in commissariato e che quindi avevano trovato, grazie alla polizia,  il 14enne ed i suoi genitori a Messina.
. Ma gli agenti l’avevano riportata a Capo d’Orlando e consegnata ai genitori.
La vicenda, conclusa con la denuncia dei due catanesi ed il sequestro della loro vettura per mancanza di assicurazione, ha però sollevato molte perplessità: perché nessuno aveva controllato all’uscita di scuola con chi fosse andata?
perché una bambina risultava fidanzata con un 14enne di fuori provincia, per quale motivo non è scattata l’accusa di sequestro di  persona.
Su quest’ultimo punto la Procura di Patti, che ha aperto il fascicolo,ha applicato l’articolo 574 ed in pratica ha riconosciuto la volontà della minore a voler andare con l’amico. Un reato che prevede una pena massima di 3 anni e quindi non c’è carcerazione.
Sugli altri aspetti si indaga ancora poiché proprio questa mattina i familiari della ragazzina hanno presentato una ulteriore denuncia con cui parlano di alcuni schiaffi che il 14enne avrebbe dato alla giovane lo scorso gennaio nei pressi di un bar al culmine di un litigio.
Inoltre i familiari del catanese risulterebbero indagati per reati contro il patrimonio e nei mesi scorsi sarebbe stata sequestrata loro un’altra vettura per mancanza di assicurazione.
Una storia con troppi aspetti ancora da chiarire.