Sbloccato il fondo di rotazione, pioggia di risorse in provincia di Messina

3565

In arrivo 3 milioni e mezzo di euro per i comuni siciliani. Sono state sbloccate le risorse del fondo di rotazione istituito dalla Regione per facilitare l’elaborazione di progetti di opere pubbliche. 

«Un aiuto per gli enti locali – ha ricordato il presidente della Regione Nello Musumeci – che alle prese con difficoltà di bilancio non riuscivano a dare incarico per la progettazione, rischiando di perdere i finanziamenti già ottenuti o di non potere partecipare ad altri bandi». Sono state 29 le richieste finanziate e la provincia di Messina è stata quella che ha ottenuto di più; sui Nebrodi con Sinagra, progetto delle opere di mitigazione della pericolosità e del rischio idraulico del torrente ‘Ficarra-Candelora’ e la messa in sicurezza del nucleo abitato “Santa Rosalia” per 134 mila euro, Sant’Angelo di Brolo con due opere – il completamento della rete fognaria del centro e i lavori di riqualificazione dell’edificio scolastico di via San Francesco per un totale di 313mila euro, San Teodoro con il potenziamento ed efficientamento della condotta idrica comunale “Ambolà” per 176mila euro, Ucria con due opere – il rifacimento e ammodernamento della rete idrica interna al centro abitato e dei serbatoi “Piano Campo-Caffuti e Sant’Arcangelo” e la rete di adduzione ed il consolidamento e messa in sicurezza della zona Santa Caterina per un totale di 228mila euro, Tortorici con il completamento rete fognaria e adeguamento del depuratore Molino Ferriera per 124 mila euro, Castel di Lucio con la manutenzione straordinaria dell’acquedotto esterno di contrada Pantanazzi fino alla vasca di contrada Pantano a servizio del comune per 50mila euro e San Salvatore di Fitalia con il consolidamento e regimentazione acque in località San’Adriano, classificata ad alto rischio idrogeologico per 68mila euro. Sui Peloritani c’è Novara di Sicilia con la razionalizzazione delle reti di adduzione e distribuzione delle risorse idriche-sostituzione rete idrica per  72 mila euro e l’area tirrenica con Torrenova e la ristrutturazione e manutenzione straordinaria per l’adeguamento sismico dell’edificio scolastico elementare relativo al corpo “A” di via Caputo per 146mila euro, Saponara con l’adeguamento normativo dell’impianto di depurazione comunale di via Pugliatti per  117mila euro, Santa Lucia del Mela con due opere – la mitigazione del rischio idrogeologico a tutela dell’abitato e i lavori di consolidamento di via Rossellina e Nobilia 2, per un totale di 253mila euro, Oliveri con la ristrutturazione e adeguamento dell’impianto di depurazione di contrada Fiume per 198mila euro e Torregrotta con la ristrutturazione della rete idrica per 98mila euro.