Barcellona. In carcere l’imprenditore Salvatore Imbesi. Contestati reati fiscali

2410

Custodia cautelare in carcere per l’imprenditore, Salvatore Imbesi, 58 anni, che ricopre anche il ruolo di Consigliere Comunale a Palazzo Longano. Il provvedimento è stato notificato dai finanzieri del Comando Provinciale di Messina, al termine di indagini dirette dal Procuratore Capo di Barcellona Pozzo di Gotto, Emanuele Crescenti, e coordinate dal Sostituto Procuratore Rita Barbieri. Al centro dell’inchiesta la gestione della società di trasformazione agrumicola Agrumi – Gel srl. Condotto anche un sequestro preventivo per dieci milioni di euro su quote sociali, conti correnti, disponibilità finanziarie e immobiliari riconducibili a tre indagati e alla stessa società. I reati ipotizzati sono truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, riciclaggio, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Le indagini svolte hanno permesso di scoprire un complesso sistema di false fatturazioni – posto in essere, principalmente, attraverso due società, una operante nel settore agrumario e l’altra in quello edile –  finalizzato sia all’evasione delle imposte sia all’ottenimento, indebito, di un finanziamento comunitario per un importo complessivo di circa 5 milioni euro. Le due società avrebbero documentato una serie di rapporti commerciali mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e fornito una falsa rappresentazione degli investimenti riguardanti l’ampliamento e l’ammodernamento di un impianto di trasformazione agrumariaInoltre, allo scopo di evadere il fisco, le società hanno simulato rapporti commerciali fittizi riguardanti la compravendita di agrumi, documentati attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture relative ad operazioni inesistenti. Le indagini finanziarie svolte sui conti correnti bancari degli indagati e delle società coinvolte avrebbero consentito, tra l’altro, di accertare l’ipotesi del reato di riciclaggio in capo al figlio, socio unico di una delle società coinvolte.