Il tar stoppa la creazione di un impianto eolico-fotovoltaico sui Nebrodi

654

Non verrà realizzato un impianto eolico-fotovoltaico nel territorio di Tortorici, Castell’Umberto, Sinagra e Ucria.

Così hanno deciso i giudici della seconda sezione del Tar di Catania, che hanno rigettato i ricorsi proposti da “Eolo Energie Tortorici Castell’Umberto srl” contro l’assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità e la soprintendenza dei beni culturali di Messina.
La ditta aveva chiesto l’annullamento del decreto regionale che rigettò l’istanza per l’impianto e i pareri negativi della Soprintendenza e della conferenza di servizi dei comuni di Sinagra e Castell’Umberto.
Il secondo ricorso si riferiva anche alla richiesta di risarcimento danni perchè l’istanza di autorizzazione unica avrebbe anche permesso l’accesso agli incentivi statali.
Il danno è stato quantificato dalla ditta ricorrente nella misura di oltre 540 mila euro a titolo di danno emergente e di oltre 19 milioni di euro a titolo di lucro cessante.
Il progetto riguardava anche le opere connesse e le infrastrutture indispensabili all’esercizio dell’impianto. La Regione ha contestato che la “Eolo Energie Tortorici- Castell’Umberto” non avrebbe adempiuto alla consegna della necessaria documentazione utile al progetto.
Il Tar ha riunificato i ricorsi e di seguito ha espresso il proprio giudizio, evidenziando la carenza di documentazione, che ha condizionato anche l’esito della conferenza di servizi.
Per tutta una serie di motivi che sono stati evidenziati sia dalla Regione, quanto dalla Soprintendenza, il Tar ha detto no al rilascio dell’autorizzazione unica. Lo stesso vale per la richiesta di risarcimento del danno, poiché è stata azzerata dalla carenza dei presupposti per il rilascio dell’autorizzazione unica.