Patti, varato il bilancio. Ma quello di un anno fa

213

E’ possibile votare il bilancio di previsione 2018 il 28 dicembre 2018 cioè in tempi già scaduti anche per votare il consuntivo? A Patti è accaduto. In maggioranza solo sette consiglieri su dieci, mancavano Giovanni Franchina, Placido Salvo e Luca Musmeci, quattro invece i consiglieri di opposizione: Giacomo Prinzi, Filippo Tripoli, Natalia Cimino e Mariella Gregorio Nardo. Questo significa che, con il numero legale a nove, nella prima seduta, il consiglio non avrebbe potuto votare il bilancio senza la presenza dei consiglieri di opposizione. Evidentemente qualche mal di pancia c’è nei gruppi che compongono la maggioranza e sostiene l’Amministrazione; non si è assenti in consiglio in un’occasione importante, mentre si è anche sotto commissario, tranne ci siano gravi giustificazioni. Dunque qualche mugugno c’è. Il bilancio, alla fine, è passato; il consigliere di opposizione, Mariella Gregorio Nardo, ha preferito abbandonare l’aula e non votare un bilancio presentato a tre giorni dalla fine dell’anno, con una maggioranza senza maggioranza ed un’amministrazione in evidente difficoltà: “Dopo aver preso atto delle assenze tra i banchi della maggioranza, rafforzata anche dalla tardiva e frettolosa presentazione dell’importante punto che ha limitato l’approfondimento e la condivisione tra le forze politiche della città, ha spiegato Mariella Gregorio Nardo, ho deciso seppur amareggiata, di non partecipare ai lavori in aula e quindi di abbandonarla, in quanto non condivido, né voglio far parte, di un sistema politico che non mi appartiene per mia natura. Con l’augurio che il prossimo anno non si ripeta questa triste storia.” Leggermente diversa la posizione di Giacomo Prinzi, d’accordo nella sostanza con la collega Gregorio Nardo, pronto a segnalare i problemi all’interno della maggioranza e ad abbandonare l’aula, ma solo se fosse stato il nono consigliere e se dunque fosse dipeso solo da lui mantenere il numero legale. Il suo appello è finito nel vuoto.  Si ripeteranno i vuoti in maggioranza per il consuntivo, visto che a breve dovrebbe essere presentato in aula? E per il bilancio di previsione 2019 si dovrà aspettare la fine del prossimo anno?