Brolo, l’opposizione considera il bilancio “poco credibile”

224

Il consiglio del 28 dicembre con l’approvazione di una nuova ipotesi di bilancio riequilibrato nei numeri molto diversa da quella approvata dalla sola maggioranza a marzo 2018, rappresenta l’ennesima puntata di un percorso politico-amministrativo fatto di “tasse e dissesti”.

La denuncia arriva dal gruppo di opposizione consiliare “Per Brolo” che replica così alla soddisfazione della maggioranza per l’approvazione del bilancio riequilibrato, avvenuta nei giorni scorsi.

“Già a marzo come oggi- dice l’opposizione- la maggioranza aveva imprudentemente parlato di “missione compiuta“, mentre in risposta il gruppo Per Brolo aveva evidenziato come fosse azzardato parlare di “un bilancio redatto secondo criteri di attendibilità, credibilità, veridicità e prudenza“. Il tempo ed il Ministero hanno dato però ragione alle perplessità del Gruppo consiliare di minoranza, tanto che il bilancio riequilibrato di marzo 2018 non è stato approvato. Cosicchè il 28 dicembre, il consiglio ha dovuto riapprovare una nuova e rimodulata ipotesi di bilancio riequilibrato, già inutilmente approvata a marzo.”

“Invece di chiedere scusa ai cittadini di Brolo il sindaco ed il suo vice si sono ingiustificatamente autoincensati nei comunicati stampa- incalzano i consiglieri- Ma i numeri presenti nell’attuale bilancio non lasciano presagire, neanche questa volta, un esito positivo da parte del Ministero. Ad esempio, non è dato comprendere come possa essere stata iscritta in bilancio a marzo la somma di Euro 1.540.000 per entrate derivanti dall’IMU ed a dicembre per la stessa identica causale la somma di Euro 900.000. Per non parlare della fantomatica imposta di soggiorno (per Euro 165.000); un’imposta mai istituita in questo Comune e della quale la maggioranza – evidentemente impegnata a diffondere selfies e comunicati stampa – non si è accorta, se non dopo che i consiglieri di opposizione hanno fatto rilevare tale gravissimo errore.”