Ritardi fino al 31 dicembre sulla tratta Messina-Palermo

1761

Fino al 31 dicembre matureranno ritardi sulla tratta ferroviaria Messina-Palermo e Messina-Catania. Sono ritardi giustificati da lavori di manutenzione.

Per quel che riguarda la Messina-Palermo, i ritardi riguardano il treno 3772 da Palermo per Messina che parte alle 5.08, poi il 3774 che parte sempre da Palermo ma alle ore 6.16, poi il 12760 che parte da Sant’Agata Militello alle 12.06 in direzione Messina, il 12764 che parte sempre da Sant’Agata Militello, ma alle ore 16.30, sempre in direzione Messina, il 12753 delle ore 6.43 che parte da Messina verso Sant’Agata Militello e infine il 12765 che parte da Messina alle 2028, anch’esso verso Sant’Agata Militello. Il ritardo si riferisce a soli 5 minuti, dunque non è abbastanza, salvo i treni viaggino in orario e su questo aspetto, giorno dopo giorno, bisogna fare i conti con le contingenze, dal maltempo ai problemi vari che si concretizzano lungo la linea. Per il comitato pendolari siciliani Ciufer il trasporto ferroviario siciliano in questi ultimi anni sta attraversando momenti veramente difficili. Sono molti i territori che si sono visti azzerare quasi del tutto questo servizio: Siracusa, Ragusa, Modica, Gela, Caltanissetta, Caltagirone, Alcamo-Trapani Via Milo.
La marginalità degli investimenti per il trasporto ferroviario in Sicilia è evidente e gli investimenti statali e regionali premiano la strada a danno della ferrovia, ma sempre al centro-nord. Il comitato, dall’1 all’8 dicembre scorsi, ha anche effettuato un monitoraggio su un campione di 912 treni distribuiti sulle tratte di maggiore frequentazione, tra 208 treni arrivati a destinazione prima dell’orario, treni con ritardi fuori controllo e azzerati. L’obiettivo per il comitato è sensibilizzare Regione, Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana a rilanciare gli investimenti.