Milazzo, sequestro di un’area piena di rifiuti e di oltre duecento suini

956
dav

I militari del Noe e dei Nas di Catania e della compagnia di Milazzo, su delega di indagine emessa dalla Procura della Repubblica di Barcellona, hanno condotto un’ispezione di carattere ambientale in località Masseria di Milazzo, presso l’area di proprietà comunale già adibita a centro comunale di raccolta rifiuti.

L’area estesa per circa 2.500 metri quadrati si presentava ricoperta di ogni genere di rifiuto, organici, speciali e pericolosi. Ma la maggiore sorpresa per i militari è stata quando dai cumoli dei rifiuti organici variamente sparsi su tutta l’area sono incominciati a spuntare, da più parti, suini neri, che si alimentavano con i rifiuti.

E’ stato accertato che gli animali provenivano da un allevamento che è a poche centinaia di metri di distanza dall’area oggetto di ispezione. Di seguito, insieme al personale del servizio veterinario dell’Asp di Milazzo, si è proceduto al controllo dell’allevamento; al termine delle operazioni oltre 200 suini sono stati sottoposti a sequestro sanitario e si dovrà verificare se ci sono potenziali pericoli provenienti dal fatto che gli animali o comunque molti degli stessi si sono cibati di rifiuti. L’area oggetto di ispezione, poi, era utilizzata abusivamente e ridotta ad una vera e propria area di stoccaggio; era sprovvista di qualsiasi autorizzazione ambientale, non c’era una regolare regimentazione delle acque, con il rischio di presenza di percolato penetrato nel terreno. L’area è stata sottoposta a sequestro. Titolare delle indagini è il sostituto procuratore della repubblica di Barcellona Matteo de Micheli.