Naso, al VA’ Teatro domani in scena Miracolo (in Sicily)

535

Si conclude il 1 dicembre al VA’ Teatro di Naso, nella stagione diretta da Matteo Bavera, la tournée siciliana di “Miracolo (in Sicily)”, scritto e diretto da Giuseppe Massa, con Gabriele Cicirello, Paolo Di Piazza e Glory Arekekhuegbe, scena e costumi di Mela Dell’Erba.

Due fratelli, becchini precari hanno, il compito seppellire un migrante ma il cimitero della città è stracolmo. Da ciò scaturisce un agro divertissement in cui i due provano, senza riuscirci, a sbarazzarsi del corpo del defunto.

Già in scena al Clan OFF di Messina il 10 ed 11 novembre, a Zō Culture Contemporanee di Catania il 18 novembre e ieri e stasera al Teatro Mediterraneo Occupato di Palermo, “Miracolo” prende spunto dalle ondate migratorie che attraversano il Mediterraneo per investigare la progressiva disumanizzazione della nostra società. L’embrione del testo, come spiega Giuseppe Massa,  nasce all’interno di Write 2016 residenza creativa, ideata e diretta da Tino Caspanello, che coinvolge drammaturghi siciliani ed europei all’interno del monastero di Mandanici (Me), a cura di Gigi Spedale per Latitudini.

Successivamente, a maggio di quest’anno, la compagnia attraversa con una breve residenza artistica  – sviluppatasi all’interno della rassegna “Interludi Silenziosi” –  l’Oratorio San Lorenzo di Palermo. Da ciò scaturisce un primissimo studio in cui il testo terrigno fino alla bestialità viene messo in relazione agli incantevoli e biancheggianti stucchi del Serpotta. Questo dialogo-conflitto estetico è andato a delineare lo spettacolo: santo vs umano; umano vs bestia; luce vs buio.