S. Stefano di Camastra, continuano le ricerche del fuggitivo – Video

7740

Proseguono le ricerche del 40enne, che quest’oggi non si è fermato all’alt dei finanzieri, fuggendo in auto e che, dopo un rocambolesco incidente, si è dato alla macchia.

Si tratta di un uomo residente a Reitano, che negli ultimi mesi aveva manifestato problemi di natura psichiatrica e che era scomparso da casa da due giorni. Nella tarda mattinata di oggi, i finanzieri della Tenenza di S. Agata di Militello, durante un posto di blocco di routine sulla S.S. 113, nel tratto compreso tra Caronia e S. Stefano di Camastra, in località Torre del Lauro, hanno intimato l’alt all’uomo, che viaggiava  a bordo della sua Volkswagen Golf in direzione Messina-Palermo.  L’uomo, piuttosto che fermarsi, ha forzato il posto di blocco. Ne è scaturito un inseguimento con le Fiamme Gialle, fino alle porte di S. Stefano di Camastra, dove, con una manovra di sorpasso, sono riuscite ad arrestarne la corsa. Ma, a sorpresa, il 40enne ha speronato con la sua auto quella dei finanziari tendando poi di travolgerlo ed invertendo il senso di marcia in direzione Messina. I finanzieri hanno esploso un colpo di pistola, colpendo una gomma della vettura che nei pressi di contrada Ponte Orti,  è finita fuori strada, ribaltandosi pericolosamente nella scarpata per ben due volte, per arrestarsi in prossimità dei binari della ferrovia. Miracolosamente illeso, il fuggiasco è riuscito ad abbandonare l’auto e a proseguire la fuga a piedi, raggiungendo prima alcune abitazioni e dileguandosi, poi, nella campagna. Sul posto sono intervenuti in prima battuta anche i Carabinieri della Compagnia di S. Stefano di Camastra e i Poliziotti del Commissariato di S. Agata di Militello. Gli agenti della Tenenza della Guardia di Finanza di S. Agata di Militello e gli uomini della Protezione Civile da ore stanno setacciando la campagna circostante, alla ricerca del fuggitivo. Al momento si attende l’arrivo del sostituto procuratore della repubblica di Patti, Alessandro Lia, per procedere alla perquisizione dell’auto e consentirne ai Vigili del Fuoco di S. Agata di Militello, giunti sul posto, la rimozione.