Udienza raffineria, oltre duecento costituzioni di parte civile

522

Sono più di duecento le richieste di costituzione di parte civile avanzate nell’ambito dei procedimenti davanti al gup del tribunale di Barcellona Salvatore Pugliese che vedono imputati gli ex-direttori generali della Raffineria di Milazzo e la stessa società, accusata di disastro colposo e getto pericoloso di cose.

L’industria dovrà rispondere anche di illecito amministrativo. Le richieste di costituzione di parte civile sono state avanzate da Comuni, cittadini e associazioni ambientaliste, tutti soggetti che si ritengono danneggiati dalle emissioni della Raffineria di Milazzo.

Il numero più significativo di costituzioni, con più di ottanta parti civili fra i due processi, è stato presentato dallo Studio Legale degli Avvocati Antonio Giardina e Paolo Giovanni Rotelli, esperti in Diritto dell’Ambiente, che si dicono “fiduciosi per la prossima udienza in cui il GUP deciderà sulla ammissione delle costituzioni di parte civile e sul rinvio a giudizio. Stiamo già lavorando alle costituzioni di parte civile per la prossima udienza preliminare del febbraio 2019 per l’incendio del serbatoio della stessa Raffineria di Milazzo avvenuto nel settembre 2014 e per la relativa propagazione nel territorio dei fumi di combustione”.

Nonostante le dichiarazioni del presidente Musumeci non si sono costituiti in giudizio né la Regione Siciliana né i ministeri dell’ambiente e della salute.

Il giudice deciderà sulle costituzioni di parte civile nella prossima udienza, fissata per il 18 gennaio 2019.