Torrenova, parte il servizio di sterilizzazione dei randagi

607

Ad un anno esatto dalla conferenza di servizi, di cui sono stati protagonisti l’amministrazione comunale torrenovese, il dirigente del servizio Veterinario ASP, dott. Luigi L’Abbate ed i rappresentanti di alcune associazioni animaliste, prenderá il via, a partire da domani 10 ottobre, nei locali dell’ambulatorio ASP di via Meli a Torrenova, il servizio di sterilizzazione di cani e gatti randagi.

Un obiettivo importante ed un servizio fondamentale, per tutto il comprensorio, fortemente voluto dall’Assessore al Randagismo Gabriella Sgrò e dal dott. L’Abbate che ha sposato il progetto dell’esecutivo torrenovese, mettendo a disposizione le professionalità ASP, al fine di ottimizzare le strategie di contrasto all’annoso fenomeno delle nascite incontrollate, prima criticità che alimenta la piaga del randagismo. Il progetto prevede la presenza, uno o due volte al mese a Torrenova di un medico veterinario ASP che procederà agli interventi, presso i locali ambulatoriali che il Comune ha messo a disposizione, insieme ad altre attrezzature di lavoro e già corredati di sala operatoria.
Il servizio di sterilizzazione “itinerante”, che verrà svolto anche presso altri Comuni, proposto dall’Amministrazione torrenovese, ha incontrato il favore della dirigenza ASP, poichè coniuga la tutela dell’animale, il controllo delle nascite ed un considerevole risparmio per le casse del Comune, non solo torrenovesi, che non sarà più costretto a sostenere il costo di sterilizzazione dei randagi presso la clinica veterinaria di Messina.
Ringrazio il dott. L’Abbate per la grande disponibilitá mostrata. Un anno fa ho dovuto far fronte all’emergenza randagi – ha dichiarato Gabriella Sgrò – dovendo tenere in conto il benessere dell’animale e gli elevatissimi costi di gestione del servizio. Aver trovato questa soluzione che mette tutti d’accordo e che è utile anche ad altri Comuni, è per noi motivo di soddisfazione e determinazione a continuare nel percorso per risolvere il problema del randagismo”.