Brolo, finanziato il progetto esecutivo per la messa in sicurezza del torrente Pozzo

255

L’amministrazione comunale di Brolo compie un ulteriore passo verso i lavori di recupero ambientale a salvaguardia del torrente Pozzo con razionalizzazione del sistema di smaltimento liquami nel quartiere Ferrara, campo sportivo, e modifica della condotta di approvvigionamento idro-potabile esterna.

La Regione ha infatti stanziato 89.613 euro per la progettazione esecutiva dell’intervento; si potrà poi così procedere alla definizione delle procedure di affidamento, delle quali si occuperà il commissario di Governo contro il dissesto idrogeologico, Maurizio Croce, mentre il responsabile del procedimento verrà indicato dal Comune. L’opera rientra fra le 3 presentate dall’esecutivo guidato dal sindaco Irene Ricciardello nell’ambito del Patto per il Sud; si tratta di un progetto complesso ed oneroso dall’importo complessivo pari a 7.170.000 euro e strategicamente importante, in linea con le richieste che lo stesso Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente – Servizio 3 – aveva effettuato e che si inserisce nella verifica e validazione delle schede degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico in Sicilia contenuti nella banca dati ReNDiS. L’iter progettuale del finanziamento è stato seguito dall’assessore ai Lavori pubblici Marisa Bonina, che si era fatta proponente anche della delibera di giunta municipale che nel 2016 aveva definito l’aggiornamento e la riapprovazione del progetto definitivo dell’opera. “Con questi lavori si punta alla sicurezza ed alla vivibilità del paese – ha evidenziato soddisfatta l’assessore Bonina insieme al primo cittadino – risolvendo un nodo critico che rendeva vulnerabile, sotto il profilo idrogeologico, da tempo, quell’area del paese. Al pari delle scuole e del centro storico, questi interventi – ha poi concluso Bonina ringraziando il presidente della Regione Nello Musumeci per l’attenzione rivolta al progetto – sono stati la priorità dell’incedere dell’amministrazione. Impegni assunti con i cittadini che dalle parole, dai programmi elettorali diventano realtà”.