Capo d’Orlando, rimpasto in giunta. Ecco chi potrebbe entrare

1709

Sembra questione di giorni il rimpasto politico al comune di Capo d’Orlando, a quasi metà del nuovo percorso avviato dai gruppi che hanno sostenuto il sindaco Franco Ingrillì.
Non solo un cambio dettato dalla necessità di mantenere la maggioranza in consiglio comunale ma anche quella di rilanciare una azione amministrativa in chiaroscuro, specialmente dopo l’ultima estate.
Il nodo cruciale sembra essere quello che ruota intorno ad un possibile azzeramento della giunta ed all’ingresso di un esponente dell’Intergruppo guidato in aula da Aldo Leggio.
Proprio quello di Leggio sembra il nome più plausibile per l’ingresso in giunta. L’ex vice sindaco, infatti, avrebbe già avuto contatti con l’amministrazione ed avrebbe manifestato diverse soluzioni per un patto di rilancio della città.
L’unica condizione dettata dallo stesso Leggio sarebbe quella di un segnale forte di cambiamento e per questo l’Intergruppo composto da tre consiglieri in aula sarebbe disposto ad appoggiare una giunta anche con esponenti esterni.
Nel caso di ingresso del consigliere, però, ci sarebbero paletti precisi per quanto riguarda il nuovo programma specie sugli aspetti relativi al turismo, la viabilità, la qualità della vita.
In pratica le note dolenti, sembrano quelle relative al controllo del territorio dal punto di vista dell’abusivismo commerciale, del rispetto del decoro urbano e di quegli aspetti che avevano reso la città un fiore all’occhiello in provincia.
Stando alle voci che circolano in queste settimane in città, Ingrillì non è disponibile ad un azzeramento totale del suo esecutivo (che significherebbe un totale fallimento di questi due anni) ma piuttosto punterebbe su un riequilibrio della squadra assessoriale, mantenendo ancora in carica sia Andrea Paterniti che Cristian Gierotto.
Nel caso di ingresso di Leggio lascerebbe l’assessorato Rosario Milone (entrato in giunta proprio a causa dell’abbandono Leggio nel 2016).
Mancano conferme, la voce circola da settimane, invece, circa un altro avvicendamento in giunta con Enza Giacoponello che potrebbe subentrare a Susanna Di Bella.