Seconda tappa del “Giro podistico delle Eolie”

179

La seconda tappa del “18° Giro Podistico delle Isole Eolie” ha fornito importanti conferme. Nell’Acquacalda-Canneto (6.5 km), hanno concesso il bis di successi gli emiliani Salvatore Franzese (Atletica Reggio) e Laura Ricci della Corradini Rubiera, secondi i messinesi Ronal Mento, in forza all’Atletica La Fenice Milano, e Francesca Colafati, portacolori della Fidippide. La manifestazione FIDAL, organizzata dalla Polisportiva Europa assieme alla Mediterranea Trekking, ha vissuto oggi, dopo l’apertura di lunedì, il primo spostamento via mare, quello da Vulcano a Lipari.

Franzese ha respinto, senza alcuna esitazione, l’attacco portato dai combattivi Mento e Luigi Guidetti (Corradini Rubiera), staccati nel corso della prova, chiudendo con il tempo di 22’11”. Piazza d’onore per Mento; in classifica ora la differenza tra i due è di 1’04”. Terzo Guidetti, che ha preceduto Fausto Barbieri della Gabbi Bologna. Quinta e dominatrice “rosa” la Ricci, che ha tagliato il traguardo dopo 24’43”. Sesto Omar Menolascina (Fidippide), settimo Mirco Bianchin (Atletica Valdobbiadene) ed ottavo Sandro Moncheri (Rosa Runner Brescia). “Mi sono ripetuto a Lipari – ha dichiarato a “caldo” Franzese – in un percorso che conosco ormai bene. Partito insieme a Guidetti, siamo rimasti appaiati sino a metà gara, poi ci ha raggiunti Mento e ho deciso di aumentare il ritmo, andando via da solo verso il traguardo. Vengo sempre volentieri alle Eolie, panorama stupendo e paesaggi davvero incantevoli”.

Tra le donne, la Ricci ha messo un’ipoteca sulla vittoria finale. Alle sue spalle, pure questa mattina, la brillante Colafati. A seguire nell’ordine: Valentina Gualandi (Polisportiva Zola), Roberta Lodesani (Corradini Rubiera), Carmela Bivona, Silvia Sicuranza (Isolotto Firenze), Amalia Trabattoni (San Maurizio Erba) e Stefania Guerra dell’Atletica Valdobbiadene. Quasi invariate le posizioni nelle graduatorie generali maschile e femminile.

Il programma prevede, infine, domani (mercoledì 5 settembre, ndr) il temuto “tappone” di Salina con start ed arrivo a Santa Marina Salina e “giro di boa” a Malfa. Una competizione di circa 14.5 km tecnicamente dura e selettiva.